Consultazioni: Mattarella incontra Boldrini e Napolitano. Direzione Pd slitta a data da definire

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Consultazioni: Mattarella incontra Boldrini e Napolitano. Direzione Pd slitta a data da definire

08 Dicembre 2016

Vanno avanti le consultazioni. È terminato il colloquio tra la presidente della Camera Laura Boldrini e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La presidente della Camera non ha rilasciato dichiarazioni alla stampa. Anche Giorgio Napolitano è giunto in auto al Quirinale per la terza e ultima consultazione odierna del presidente Mattarella sulla soluzione alla crisi di governo.

Si apprende intanto che la direzione del Pd tornerà a riunirsi la settimana prossima, ma il giorno non è stato ancora fissato. Ieri la direzione era rimasta convocata in modo “permanente” dopo la fulminea e poverella relazione del segretario del partito, Matteo Renzi, prima delle sue dimissioni formali da premier. La delegazione del Pd al Quirinale è formata dal vicesegretario Lorenzo Guerini, dal presidente Matteo Orfini e dai capigruppo Ettore Rosato e Luigi Zanda. Fonti dem fanno sapere che è ancora presto per fissare una data precisa della nuova direzione.

Intanto, in parlamento le diverse forze di centrodestra si muovono e posizionano per superare la fase di eccessiva frammentazione degli ultimi anni. Dopo la sberla presa da Renzi, nel centrodestra c’è spazio per trovare punti programmatici comuni, alternativi al Pd e 5 Stelle. Intanto, i parlamentari di Ala e Scelta civica ha scelto la denominazione “Ala – Scelta civica per la costituente liberale e popolare” sia alla Camera che al Senato, è la pattuglia dei verdiniani che comprende parlamentari di Ala, Scelta Civica, del gruppo Maie, Fare con Tosi. Alcuni parlamentari Udc hanno intanto lasciato i gruppi di Area Popolare. Resta in Ap Pier Ferdinando Casini.