Home News Contro Visco mozione di sfiducia Udc

Contro Visco mozione di sfiducia Udc

0
5

“Siano definitivamente congelate le deleghe sul coordinamento della Guardia di Finanza in capo al vice ministro Vincenzo Visco e lo stesso si presenti dimissionario a un eventuale dibattito parlamentare”.

Dopo lunghe trattative tra i capi gruppo di maggioranza e opposizione, ieri l’Udc si è decisa a depositare il documento che da oggi comincerà a togliere il sonno all’uomo che gli italiani identificano con le tasse. Ieri, dopo un rapido giro di consultazioni con i capigruppo di Forza Italia e di An Renato Schifani e Altero Matteoli, e della Nuova Dc Mauro Cutrufo, che hanno prontamente firmato il testo, l’Udc ha presentato lo scarno testo di “sfiducia tecnica personale”, evitando accuratamente ogni riferimento all’azione giudiziaria in corso. E questo sia per un doveroso garantismo di cui il partito di Bottiglione e D’Onofrio si è spesso fatto vanto, sia per evitare i tempi lunghissimi della giustizia all’italiana che potevano trasformarsi in un boomerang.

“L’unica cosa che ci interessava - dicevano gli addetti ai lavori nei corridoi del Senato - è che quel ritiro temporaneo delle deleghe furbescamente cogitato da Tommaso Padoa Schioppa si trasformasse in una definitiva estromissione di Visco dalle deleghe della Guardia di Finanza. E poi abbiamo chiesto le dimissioni in vista del dibattito in aula perché ci teniamo a precisare che il caso è ormai politico e non solo giudiziario”.

E che ci potesse essere una possibilità di affondare nelle sabbie mobili della giustizia a Roma, una procura un tempo definita” il porto delle nebbie”, ieri lo ha fatto intendere, con una brusca retromarcia, il senatore Sergio De Gregorio, presidente della commissione Difesa al Senato, in quota al partito personalistico “italiani nel mondo”. De Gregorio, che nei giorni scorsi era stato uno degli agit prop della rivolta politica in seno alla maggioranza contro Visco e che si era auto proclamato quasi un portavoce dell’ex comandante della Guardia di Finanza Roberto Speciale, ieri ha fatto un’improvvisa conversione a “u”. E di fronte all’ipotesi della sfiducia ad personam consigliava di attendere la richiesta di rinvio a giudizio della procura di Roma. Facendosi anche furbescamente scudo con le dichiarazioni molto garantiste espresse ieri sera dallo stesso Silvio Berlusconi.

Ma la mozione di sfiducia personale non è l’unica opzione che la Cdl metterà in campo contro Visco: sempre ieri durante la riunione dei capi gruppo si è parlato a lungo anche di un nuovo dibattito parlamentare sul caso Speciale. La cosa, visti i numeri nelle due aule, appare pressoché impossibile. Ma di fronte a una mozione di sfiducia così dura in cui i moderati dell’Udc si ritrovano nell’inedita posizione dei falchi che scavalcano le colombe di Forza Italia, An e persino della Lega, qualcuno nel centro sinistra, per evitare il peggio, in un momento in cui l’Europa ci mette sotto accusa per i conti che in ordine non sono, con buona pace di Tommaso Padoa Schioppa, un pensierino a concedere qualcosa, magari nell’arco di un ampio dibattito parlamentare, potrebbe farlo. E in molti guardano con insistenza proprio ad Antonio Di Pietro che con i propri collaboratori più stretti non fa alcun mistero di esserci rimasto molto male per come il governo ha gestito questa patata bollente. Fino a rimanerne ustionato.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here