Home News Cosa abbiamo in programma per la Summer School 2011

La sfida educativa

Cosa abbiamo in programma per la Summer School 2011

2
130

Anche quest’anno torna la Summer School, la scuola di alta formazione politica organizzata da Magna Carta in partnership con la fondazione Italia Protagonista, e con l'approssimarsi di questo importante appuntamento vi presentiamo il programma dell'edizione 2011. Da molto tempo la Summer School è una occasione unica per gli studenti che scelgono di parteciparvi e che condividono una esperienza utile per ampliare i propri strumenti di analisi sulla politica italiana, anche grazie ad una forte interazione con i protagonisti del mondo della politica italiana, del  mondo accademico e dell’impresa, di quello laico e religioso.

Saranno sei giornate intense, fatte di lezioni, incontri, dibattiti, su tematiche cruciali per il futuro dell’Italia, quelle questioni che a nostro parere sono decisive per accrescere il proprio impegno politico, completare il bagaglio culturale e proseguire nel lungo percorso di crescita formativo che contraddistingue, con strade diverse, ognuno dei partecipanti alla "Summer". Tutto questo in uno scambio continuo di idee e opinioni, e perché no, tornando a leggere i classici del pensiero conservatore.

L’inaugurazione della Summer School è prevista il 4 Settembre, con la presentazione ufficiale tenuta dal presidente di Magna Carta, Francesco Valli, ma già dall'apertura questa edizione farà subito i conti con il futuro del centrodestra, grazie agli interventi di due leader di primo piano del PdL, i senatori Maurizio Gasparri e Gaetano Quagliariello. Un momento importante di confronto, poiché ci troviamo in una fase politica di grandi cambiamenti, segnata dall’urgente necessità di un aperto e trasparente dibattito sugli orizzonti culturali e programmatici di un grande partito popolare quale ambisce a essere il PdL.  

Ma ad animare questa edizione della "Summer" ci sono altri nomi autorevoli. Figure di spicco della politica italiana, come  il nuovo segretario del Pdl, Angelino Alfano, anche lui impegnato a descriverci quali saranno le prossime mosse del partito; il ministro della pubblica istruzione, Maria Stella Gelmini, e quello per le politiche giovanili, Giorgia Meloni, che nei faccia a faccia con gli studenti affronteranno le sfide che attendono le nuove generazioni nel campo dell'istruzione e del lavoro; il neo-ministro della giustizia Nitto Francesco Palma, il ministro del lavoro e delle politiche sociali Maurizio Sacconi, quello per la pubblica amministrazione Renato Brunetta.

Non solo la politica. Abbiamo pensato ad un dibattito, che si annuncia avvincente, sul ruolo delle nuove tecnologie nella crescita economica del Paese, sui rapporti fra Internet e mondo della piccola e media impresa. Ne parleremo con gli amministratori delegati di Microsoft Italia e Google Italia, Pietro Scott Jovane e Stefano Maruzzi, moderati dal membro dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, Salvatore Rebecchini. Ma discuteremo anche di strategie per le infrastrutture e per le reti della mobilità e dell'energia, con l'ad del gruppo Ferrovie dello Stato italiane, Mauro Moretti, con il sottosegretario allo sviluppo economico Stefano Saglia, con il presidente dell'ENI Giuseppe Recchi, il direttore delle relazioni esterne ENEL Gianluca Comin e l'ad di ACEA Marco Staderini.

Infine la cultura. Saggistica, narrativa, classici del pensiero liberale e conservatore. Incontreremo Giordano Bruno Guerri, Stefano Dambruoso, Pietrangelo Buttafuoco e molti altri protagonisti dell'odierna realtà intellettuale italiana. Tutto questo nella cornice incantevole di Villa Tuscolana a Frascati (RM), che accoglierà gli studenti per una lunga, seria, ma non seriosa, settimana di settembre. Vi aspettiamo.

(Tratto da Fondazione Magna Carta)

  •  
  •  

2 COMMENTS

  1. Sicuri che Moretti e le FS meritino la ribalta?
    Tutto interessante. L’unica cosa: prima di definire azienda di successo (e cos’è, poi, questo stile aziendal-burocratese?) le FS andrei a fare un giro in qualche tratta non “alta velocità” per rendermi conto dello schifo in cui la gente è costretta a quotidianamente viaggiare. Il fatto è che le FS intascano continuamente, in particolare dai pendolari, dei bei soldoni in cambio di servizi non erogati (e non mi meraviglierei che il contante così “estorto” finisse poi nella vetrina dell’alta velocità). Ben altre aziende, costrette ad una anonima battaglia quotidiana in regime di concorrenza e senza contributi pubblici, meriterebbero la ribalta. L’ex sindacalista Moretti (ma dico: avete idea del danno che i sindacalisti hanno inflitto negli anni alle FS ed ai viaggiatori?) è, tra l’altro, quello che, qualche tempo fa, ha intelligentemente suggerito agli italiani di munirsi di coperta e di viveri prima di affrontare un viaggio in treno. Dovevate lasciarlo a casa.

  2. Momento d sconforto piu’ che di confronto
    Peccaro non avere piu’ l’eta’. Me li immagino questo giovani che dopo aver sentito Alfano, Sacconi, Brunetta e la Gelmini corrono a farsi della prima sostanza che gli capita a disposizione. Sono ad un convegno a Barcellona e grazie a questi cialtroni, stanno tutti piegati in due dalle risate di fronte al desolante spettacolo del nostro governo… poi se vogliamo parlare di trasporti….

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here