Home News Così rinascono le magiche Polaroid

Hanno immortalato gli anni '70

Così rinascono le magiche Polaroid

0
6

 

Questa è una storia contromano: di come per una volta il digitale salva l'analogico; di come nel pieno della crisi mondiale rinasce un'azienda data per morta; di come si annunci all'orizzonte un lieto fine per un insperato ritorno.

Per capire serve un flash (back). Il gigante Polaroid ha deciso nel luglio del 2008 di fermare la produzione della pellicola per le sue leggendarie macchine fotografiche analogiche istantanee, chiudendo gli impianti in Messico e in Olanda. Gran lutto presso gli appassionati. Che si sono subito riversati su Internet alla ricerca degli ultimi stock di "caricatori" messi in vendita su Ebay a prezzi stellari dagli speculatori, mentre c'era chi batteva negozietti di fotografia di paese alla ricerca delle rimanenze.

Su Internet il sito indipendente Polapremium che ha incominciato a recuperare in giro per il mondo e vendere macchine e caricatori vintage a prezzi sempre alti ma accettabili, dando un po' di respiro agli amanti di questo tipo di fotografia non ancora rassegnati alle compatte digitali. Ma il baratro era l'esaurimento della pellicola avanzata, fosse anche scaduta.

Nel frattempo il sito Polanoid ha iniziato a celebrare il mito della fotografia istantanea, creando un social network fra gli amatori, che possono iscriversi a patto di caricare ralmeno un'immagine Polaroid. Nel sito si legge: "Stiamo costruendo la più grande collezione di fotografie Polaroid del pianeta per celebrare la magia della fotografia istantanea". Alcune immagini sono bellissime e c'è un sacco di gente: adesso la comunità web è di oltre 14mila membri. Insomma due siti, quello di e-commerce e il social network, entrambi finanziati da "venture capital" europei specializzati in imprese su Internet, hanno avuto successo.

E pochi giorni fa è arrivata notizia dell' "Impossible project", che è quello di riprendere, a partire dal 2010, la produzione dei caricatori di pellicola, non più marchiati Polaroid ma adattabili alle vecchie macchine fotografiche istantanee, con nuovi materiali e tecnologie. Ecco l'annuncio riprodotto nel sito: "La Impossible b.v. è stata fondata con l'obiettivo concreto di reinventare e riprendere la produzione di film integrali analogici per le macchine polaroid vintage. Per questo abbiamo aquisito dalla Polaroid l'impianto completo di produzione di Enschede, in Olanda, firmando un contratto di affitto decennale della fabbrica e abbiamo assunto un team dei più esperti tecnici e ingegneri del settore da tutto il mondo”.

“La missione impossibile - continua l’annuncio - non è quella di ricostruire i caricatori Polaroid ma, con l'aiuto di partner strategici, sviluppare un nuovo prodotto con nuove caratteristiche che consistono di nuovi componenti ottimizzati. Un innovativo e fresco materiale analogico che sarà venduto con un nuovo nome per un riposizionamento globale della pellicola integrale". Nel sito ci sono affascinanti immagini un po' sgranate e sovraesposte che fanno tanto Polaroid "black and white" sia della squadra, attempata ma decisamente d'esperienza, e sia della fabbrica, anch'essa irresistibilmente vintage. Che riprenderà la produzione il prossimo anno. Il tutto grazie a Internet, grazie ai venture capital tecnologici e grazie alla forza di una passione. Del resto, "non impegnarti in un progetto che non sia manifestamente importante e quasi impossibile". Lo diceva Ewin Land, inventore della fotografia istantanea.

 

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here