Crisi. Obama punta su 3 aree per il rilancio dell’occupazione

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Crisi. Obama punta su 3 aree per il rilancio dell’occupazione

08 Dicembre 2009


L’amministrazione Obama punta su 3 aree per rilanciare e sostenere il mercato del lavoro, con iniziative che – spiegano dall’amministrazione statunitense – “sono il cuore dei nostri sforzi per aiutare gli americani a tornare al lavoro e per spingere le aziende a tornare ad assumere”. Le tre aree di intervento sono: infrastrutture, piccole imprese ed energia. Quest’ultima include nuovi incentivi per i consumatori che introdurranno tecnologie verdi nelle proprie case. “Le misure rientrano nella politica portata avanti non solo per creare lavoro nel breve termine ma anche per rafforzare la competitività delle attività americane, incoraggiare gli investimenti e promuovere le esportazioni”.

Per le piccole e medie imprese l’amministrazione propone interventi soprattutto di tipo fiscale. Si tratta della capital gain a zero per le piccole imprese per un anno, sgravi per le assunzioni e l’eliminazione delle commissioni per quelle imprese di piccole dimensioni che ottengono prestiti attraverso il programma Small Business Adiministration.

Ulteriori investimenti nel settore del lavori pubblici (autostrade, ponti, acqua e ferrovie) per sostenere gli sforzi portati avanti per rilanciare l’occupazione e migliorare la produttività americana.

L’amministrazione prevede nuovi incentivi per i consumatori che investono in tecnologie ‘verdi’ per le proprie abitazioni. “Investimenti mirati nell’efficienza energetica possono aiutare a creare occupazione, consentendo allo stesso tempo ai consumatori di risparmiare. Il presidente – precisano dall’amministrazione – chiede al Congresso di considerare un nuovo programma di incentivi per i consumatori che introducono tecnologie pulite nelle loro abitazioni, con l’obiettivo di ricreare quanto accaduto con il programma di incentivi alla rottamazione di auto”, che ha avuto un grande successo.

Obama, parlando oggi a Washington alla Brookings Institution ha anche detto: “Chiedo al mio segretario del Tesoro di continuare a utilizzare i rimanenti fondi Tarp per facilitare il credito alle piccole aziende”. “Assumeremo ogni iniziativa responsabile per accelerare la crescita del mercato del lavoro”, ha continuato il presidente americano assicurando comunque che ogni misura presa sarà valutata attentamente nel rispetto delle condizioni dei conti pubblici statunitensi, gravati da un pesante debito e dal fardello del deficit.

Obama ha ribadito ancora una volta il proprio impegno per dimezzare di deficit di bilancio entro il 2012. Le risorse risparmiate nell’ambito del Tarp, circa 200 miliardi di dollari, saranno utilizzate sia per far fronte al deficit sia per il rilancio del mercato del lavoro. “I risparmi ci consentiranno di ridurre il deficit più velocemente del previsto, ma le risorse serviranno anno per rafforzare il mercato del lavoro”, ha aggiunto il presidente americano.