Home News Crisi. Pil, crollo del 4,9% nel 2009: il peggior dato dal 1980

Crisi. Pil, crollo del 4,9% nel 2009: il peggior dato dal 1980

0
130

L'Istat ha reso noto che nel 2009 il Pil italiano è diminuito del 4,9% secondo l'indice corretto per i giorni lavorativi (uno in più sul 2008). Il Governo aveva stimato un calo del 4,8%. Si tratta del dato peggiore dal 1980, da quando è iniziata la serie storica.

La crescita acquisita per il 2010 è pari a zero. Nel quarto trimestre 2009, il Pil espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2000, destagionalizzato e corretto per gli effetti di calendario è sceso dello 0,2% sul trimestre e del 2,8% su anno.

L'istituto ha spiegato che la diminuzione congiunturale del Pil nel quarto trimestre ''è il risultato di una diminuzione del valore aggiunto dell'industria, di una sostanziale stazionarietà del valore aggiunto dei servizi e di un aumento del valore aggiunto dell'agricoltura''.

''Nel quarto trimestre il Pil è aumentato in termini congiunturali dell'1,4 per cento negli Stati Uniti e dello 0,1 per cento nel Regno Unito, dello 0,6% in Francia ed è rimasto fermo in Germania" si legge nel documento che prosegue: "In termini tendenziali, il Pil è aumentato dello 0,1 per cento negli Stati Uniti ed è diminuito del 3,2 per cento nel Regno Unito, del 2,2% in Francia e del 2,4% in Germania''.

Il primo marzo saranno diffuse le nuove stime annuali (non corrette per gli effetti di calendario) dei Conti economici nazionali per il periodo 2007-2009. Il 10 marzo saranno rese note le stime trimestrali coerenti con i nuovi dati annuali.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here