Dai giudici ancora un attacco alla legge 40 contro il parlamento e nonostante il voto popolare

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Dai giudici ancora un attacco alla legge 40 contro il parlamento e nonostante il voto popolare

12 Dicembre 2012

"Per l’ennesima volta", dice l’On. Eugenia Roccella, "un tribunale civile attacca la legge 40 su punti già confermati da un referendum, cercando di scavalcare non solo il parlamento ma il voto popolare. Il primo dei quesiti, che riguarda la possibilità di utilizzare per la ricerca gli embrioni ‘soprannumerari’ o malati, farebbe sorridere se non rivelasse un approccio velatamente eugenetico.

Come dovrebbe essere noto, nessun laboratorio di ricerca vuole gli embrioni ‘scartati’ dalla fecondazione assistita, che in molti paesi vengono distrutti in massa dopo alcuni anni, senza che nessun ricercatore li chieda, nemmeno a titolo gratuito. La ricerca internazionale sugli embrioni umani (ormai abbandonata dalla gran parte degli studiosi, a partire da Ian Wilmut) utilizza infatti embrioni appositamente creati. Il quesito, quindi, minaccia di essere solo ideologico.

Per quanto riguarda la revocabilità del consenso, ricordiamo che si tratta di una necessaria assunzione di responsabilità genitoriale, di fronte a una procreazione che non avviene casualmente ma al termine di un lungo, faticoso e costoso percorso di coppia, durante il quale, invece, fino al momento della fecondazione, il consenso è sempre revocabile".