Dal compromesso sulla scuola al balletto dei colori, ecco le regole dal 7 al 15

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Dal compromesso sulla scuola al balletto dei colori, ecco le regole dal 7 al 15

05 Gennaio 2021

Una media aritmetica fra le diverse posizioni sulla scuola, sicché tra il partito della riapertura il 7 e quello del rinvio alla nuova scadenza del 15, si è deciso che gli studenti delle superiori staranno a casa fino all’11, per poi riprende in presenza al 50 per cento. Per il resto, speriamo che per sfuggire al Covid non ci venga la labirintite.

Sarà una settimana dura per i daltonici, quella che si apre all’indomani dell’Epifania e che è stata regolata, non senza frizioni interne, dal Consiglio dei ministri della scorsa notte. Si parte il 7 e l’8, quando tutta l’Italia dovrebbe per due giorni tornare in giallo, salvo la conferma del divieto di spostamento fra regioni (con le consuete eccezioni). Poi il week end del 9 e 10, con una zona arancione nazionale (quindi bar e ristoranti chiusi anche di giorno). Resta salva per tutti i colori, rosso compreso, la possibilità di far visita una volta al giorno entro l’orario del coprifuoco, due persone per volta più eventuali minori di 14 anni, ad amici e parenti entro i confini della propria regione.

Lo stesso decreto fissa parametri più stringenti per il passaggio da un colore all’altro. Quindi, in attesa dell’ennesimo Dpcm o decreto che detterà le regole dal 15 in poi, per molte regioni si prepara un brusco risveglio. Sempre che da questo incubo ci si fosse mai assopiti.