Dal Sud al Nord tre morti in poche ore

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Dal Sud al Nord tre morti in poche ore

13 Giugno 2008

Altri incidenti sul lavoro. Ennesime morti bianche. Dalla Sicilia e Milano l’Italia è scossa per la morte di tre operai precipitati dalle impalcature nei cantieri di Termini Imerese e Settimo Milanese.

Mentre si piangono ancora le vittime di Mineo, nel giorno in cui verranno eseguite le autopsie delle vittime dell’ennesima strage sul lavoro avvenuta mercoledì scorso nella discarica di Mineo, tutta la Sicilia è in lutto anche per la morte di un operaio avvenuta stamane intorno alle 9 nella centrale termoelettrica dell’Enel di Termini Imerese. Vittima del tragico evento è Domenico Cagnina, 44 anni, originario di Trabia che è precipitato da un’impalcatura, da un’altezza di tre metri,  mentre eseguiva lavori di manutenzione insieme ai suoi colleghi. Il medico legale, atteso in questi minuti, accerterà le cause del decesso. Intanto carabinieri e personale del 118 sono impegnati  ad ascoltare testimoni e ad accertare l’eventuale responsabilità di terzi. Ai piedi dell’impalcatura il casco dell’uomo.

Nessuno sa ancora dire però se al momento dell’incidente era indossato dalla vittima.

A Settimo Imerese carabinieri e personale del 118 stanno eseguendo le indagini per la ricosrtuzione dei fatti ma l’evento sembra essere chiaro a tutti i testimoni sin ora sentiti: i tre operai, di nazionalità egiziana, si trovavano all’altezza di 20 metri sull’impalcatura di un cantiere per la costruzione di un nuovo edificio nella frazione di Vighignolo, a pochi chilometri da Milano. Intorno alle 11 di stamattina l’impalcatura si è sbriciola e ha scaraventato a terra i tre operai. Il bilancio è di due morti e un terzo in coma. Un altro operaio è stato ferito in modo lieve. Le vittime non sono ancora state identificate perché sprovviste di documenti.

Sempre a Milano un operaio edile di cui non si conosce al momento l’identità è precipitato da un palazzo in ristrutturazione nei pressi dell’Idroscalo ed è stato trasportato in codice rosso per le gravissime condizioni all’ospedale San Raffaele del capoluogo lombardo. L’incidente sarebbe avvenuto poco dopo le 11 di questa mattina.