Danimarca: prima incriminazione per blasfemia dal 1971

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Danimarca: prima incriminazione per blasfemia dal 1971

23 Febbraio 2017

Un uomo di 42 anni è stato incriminato per blasfemia nel Nord della Danimarca, per avere, secondo l’accusa, dato alle fiamme una copia del Corano e poi postato il relativo video nel suo profilo Facebook. Lo ha reso noto un procuratore danese, Jan Reckendorff, precisando che è la prima volta sin dal 1971 che qualcuno viene incriminato in Danimarca per aver “irriso pubblicamente la dottrina o il culto di una comunità religiosa”, un reato, ha aggiunto, punibile con pene fino a quattro mesi di reclusione o con una ammenda.

L’uomo, ha detto ancora Reckendorff senza rivelarne l’identità, ha bruciato la copia del Corano nel suo cortile, riprendendo l’azione in un video che hai poi postato il 27 dicembre del 2015 in una pagina Facebook anti-islamica. La data del processo non è stata ancora fissata.