De Magistris, Cassazione chiede rinvio a giudizio

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

De Magistris, Cassazione chiede rinvio a giudizio

14 Dicembre 2007

Il Pg della cassazione Mario Delli Priscoli ha chiesto il rinvio a giudizio del pm di Catanzaro Luigi De Magistris.

 Lo rende noto il Presidente della sezione disciplinare del C.S.M. Nicola Mancino che ha fissato in sezione disciplinare la discussione “orale di merito del procedimento disciplinare” promosso nei confronti del magistrato “per l’udienza straordinaria dell’11 gennaio 2008, ore 15, con eventuali udienze straordinarie di prosieguo nei giorni di sabato 12 gennaio e lunedì 14 gennaio 2008”.

“Resta confermata – si conclude la nota – la data di lunedì – 17 dicembre 2007, alle ore 9.30, per la discussione e la decisione relativa alla richiesta di trasferimento cautelare urgente avanzata dal Ministro della Giustizia”.

La Procura generale della Suprema Corte, infatti, ha depositato ieri nuove carte sul pm di Catanzaro, chiedendone il rinvio a giudizio davanti al ‘tribunale’ delle toghe e ipotizzando a suo carico 15-20 incolpazioni. Tra queste, non ci sono al momento quelle per le quali il pg Mario Delli Priscoli ha, solo pochi giorni fa, avviato una nuova azione disciplinare per De Magistris, in relazione ai tabulati telefonici di un’utenza riconducibile al Guardasigilli Clemente Mastella (che risulta indagato per l’inchiesta ‘Why not’%29, acquisiti e utilizzati, secondo l’accusa, senza l’autorizzazione della Camera di appartenenza.

Le contestazioni del pg, in vista dell’udienza nel merito fissata per gennaio, riguardano invece le irregolarità che il magistrato avrebbe compiuto nell’esercizio delle sue funzioni, quali la violazione del segreto istruttorio e delle regole procedurali, nonchè le sue dichiarazioni pubbliche, con le quali il pm si sarebbe presentato come “vittima di persecuzioni da parte di magistrati e politici”.

Lunedì prossimo, in ogni caso, la sezione disciplinare di Palazzo dei Marescialli si riunirà in camera di consiglio per esaminare l’istanza di trasferimento cautelare avanzata lo scorso settembre a carico di De Magistris.

Anche se si decidesse per un ulteriore rinvio (la prima udienza si era tenuta lo scorso 8 ottobre, quando fu subito rinviata al 17 dicembre), la pronuncia sulla misura cautelare dovra’ comunque non oltre l’11 gennaio, data fissata per l’udienza nel merito.