Home News Della realtà del PdL e della sua trasfigurazione

Bussole

Della realtà del PdL e della sua trasfigurazione

3
40

Fa freddo, molte zone dell'Abruzzo sono coperte di neve, siamo nel pieno di una campagna elettorale difficile, si gira in lungo e in largo e dal mare ai monti (con la emme minuscola!), si calcano sale gremite e più piccole realtà di "resistenti", si incontrano persone, si cerca di convincerle che votare PdL è l'unica strada per non consegnare il Paese alla sinistra delle tasse e alle sue stampelle.

Questa è la realtà vera che si vive ogni giorno. Vi sono giornali che invece sembrano intenti a parlare esclusivamente di organigrammi, di dialettiche che in edicola diventano guerre nucleari, producendo un oggettivo inquinamento nella vita di un partito politico. E’ anche possibile che lo stillicidio quotidiano dei veleni e delle indiscrezioni sia alimentato dall’interno: in tal caso, si tratterebbe di una fotografia efficace della distanza che separa la democrazia del pubblico, che in molti viviamo ogni giorno tra la gente, dalla democrazia del palazzo.

Se ci sono “manine” interne dietro lo sfregio mediatico di cui il PdL viene costantemente fatto oggetto, non si pensi che non si sappia a chi appartengono. E se in ogni partito è fisiologico che vi sia un ciclico rinnovamento, se e quando ciò avverrà in Abruzzo nessuno si illuda che sarà attraverso una "epurazione".

In Abruzzo a partire dalla scorsa vittoriosa campagna per le elezioni regionali si è formata e consolidata una classe dirigente che ha vinto tutto ciò che c'era da vincere (e quando ha perso lo ha fatto per aver assecondato la volontà di qualche attuale "dissidente" dalla memoria corta). Questa classe dirigente compie insieme le proprie valutazioni, ha sempre fatto insieme le sue scelte e insieme continuerà a farlo.

Certo, a pochi mesi dalle nuove elezioni regionali è comodo ingaggiare il "tiro al Piccone", facendo del coordinatore regionale di un PdL da cinque anni vincente un bersaglio sul quale scaricare colpe e frustrazioni. In Abruzzo si dice "è colpa di Piccone" come a livello nazionale si dice "è colpa dello spread", e se in nome dello spread abbiamo ingoiato di tutto, in Abruzzo questo non accadrà. In Abruzzo c'è un partito e una classe dirigente che ha dato ottima prova di sé. E' da lì che ogni cosa dovrà ripartire.

  •  
  •  

3 COMMENTS

  1. PDL : classe politica vincente ?
    Ma come si fa a dire che il PDL e una classe politica vincente con tutti i disastri che ha fatto e fa in giro per l’Italia. In Abruzzo poi e meglio stendere un velo pietoso.
    Al PDL manca l’essenza dell’etica.

  2. pdl
    c’è stato un momento in cui sn stato sfiduciato dal votare la pdl e volevo che si facessero le primarie xo adesso ho capito che con silvio e il partito unito si puo ancora ottenere un grande risultato anche qui in abruzzo speriamo io vado a votare ma giuro che è l’ultima volte che do il voto se non si faranno le cose promesse

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here