Home News “Dietro l’alleanza Pd-Idv solo sondaggi e niente sostanza”

“Dietro l’alleanza Pd-Idv solo sondaggi e niente sostanza”

2
55

Intervista a Ugo Intini di Dario Caselli

“Un’operazione elettoralistica” dove non hanno “prevalso i ragionamenti politici ma i sondaggi”. Ugo Intini è un socialista di lungo corso. Classe 1941, milanese, ricorda ancora i tempi in cui giovane giornalista scriveva per “L’Avanti”. Lui che nel Partito Socialista ha saputo farsi strada fino a diventare il portavoce di Bettino Craxi quando questi era al governo. E negli anni d’oro del socialismo italiano rappresentare il Psi come membro dell’Internazionale Socialista. Dopo una vita passata con il “garofano nel cuore”, ora è costretto ad assistere dal suo ufficio della Farnesina alla "finta alleanza" tra il Partito Democratico di Walter Veltroni e l'Italia dei Valori di Antonio Di Pietro.  Un’alleanza che non è stata offerta ai socialisti. A loro che della famiglia del Pd se non fratelli sono almeno cugini. “A noi è stato negato quello che è stato dato a Di Pietro” ripete il viceministro agli Esteri. Che definisce  “alleanza elettorale dignitosa” quella che Veltroni non ha voluto offrire ai vecchi compagni. A cui invece è stata proposta solo la confluenza, con l'abbandono  del simbolo e dell'autonomia. Troppo anche per chi sa bene che andando da soli rischia l’estinzione perché “le soglie di sbarramento al Senato, soprattutto, ed alla Camera sono difficili da superare”. Ma i socialisti andranno ugualmente da soli con il timore di vedere “un milione di persone senza rappresentanza”. Finale e morale di una storia. Quella di un’alleanza negata. Ai socialisti. Ma non a Di Pietro.

 

On. Intini partiamo dalla fine. Alle prossime elezioni andrete da soli…

“Sì, e non per nostra volontà. Il Partito democratico si è detto indisponibile ad un’alleanza o come oggi si dice ad un apparentamento con il Partito socialista. E quindi a noi non resta che fare questa scelta solitaria. Una decisione presa all’unanimità. Presenteremo un nostro programma, delle nostre liste e nostri candidati. Il tutto in autonomia”.

 Ma come mai Veltroni non ha voluto accordarsi con i socialisti?

“Questo sarebbe meglio chiederlo a lui. Quello che so, ed è chiaro a tutti, è che a noi socialisti è stata negata un’alleanza elettorale dignitosa”.

 In che senso dignitosa?

“Nel senso che l’unica offerta che ci è stata fatta è stata quella di confluire nel Pd, dismettendo il nostro simbolo e con esso la nostra storia. Noi a queste condizioni non ci stiamo. Vogliamo correre con il nostro simbolo e la nostra lista collegata al Pd, altre ipotesi che prevedono la scomparsa del Psi non ci interessano”.

 Intanto all’Italia dei Valori Di Pietro è stato consentito un apparentamento…

“Appunto. A  Di Pietro è stato offerto quello che non è stato proposto a noi. Ed è chiaro che per noi non è accettabile”.

 

Qualcuno aveva detto che Di Pietro aveva posto un veto su di voi, le risulta?

“No, non mi risulta”.

 Ma se le proponesse un patto come per i radicali? Capolista, uomini in lista e rimborsi elettorali, accetterebbe?

“No. Per i radicali non si tratterebbe di una novità. Già altre volte hanno corso nelle liste di altri partiti e tutto questo senza perdere la loro identità. Questo per noi sarebbe impossibile. Non potremmo correre in una lista che non fosse la nostra”.

 Ma lei si %C3

  •  
  •  

2 COMMENTS

  1. a casa
    Si deve ricordare ai socialisti (ma in generale a tutti) che se la gente ti vota si va in parlamento e se non ti vota si va a lavorare? Boselli si chiede perchè sarà difficile passare lo sbarramento, cioè ottenere poco o pochissimo consenso dalla gente? La colpa è della gente che, cattivona, non lo vota? La colpa è di Veltroni che, cattivone, lo ha cacciato (giustamente!) come (giustamente) ha cacciato i sinistrorsi arcobalenati? I 4 comunisti antagonisti e Boselli si rendono conto o no che fanno perdere i voti alla coalizione di cui farebbero parte e quindi nessuno li vuole intorno? Non pensano i 4+1 che forse alla gente in fondo non piacciono affatto, quindi non li vota, e la colpa è solo e soltanto loro? Quando presenteranno candidati degni, un programma e un atteggiamento politico pure degno la gente li voterà. Solo allora sarà giusto che tornino a scaldare le poltrone del parlamento.

  2. i socialisti
    anch’io avevo mandato un commento
    ma vedo che è stato censurato

    questo mi da un’idea diversa di questa testata, che pure avevo cominciato ad apprezzare
    pazienza

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here