Home News Dirigente Pd, Isinbayeva da stuprare. Si dimette dopo post su FB

Tutte le News

Dirigente Pd, Isinbayeva da stuprare. Si dimette dopo post su FB

0
3

Un consigliere comunale sardo del Pd, Gianluigi Piras, ha parlato di stupro ai danni della campionessa Yelena Isinbayeva su Facebook. La Isinbayeva aveva detto dei gay "Noi russi siamo normali, i ragazzi con le donne e le ragazze con gli uomini. Rispettate le nostre leggi". Per poi rettificare, "non sono contro i gay, sono stata fraintesa, l’inglese non è la mia prima lingua". Nel frattempo arriva il post di Piras: "Isinbayeva per me possono anche prenderti e stuprarti in piazza. Poi magari domani ci ripenso. Magari mi fraintendono". Anche Piras ha precisato che si trattava di un paradosso. Si è anche dimesso da tutte le cariche, mentre i giovani del Pdl chiedevano che sul fatto venisse aperta una inchiesta. Il segretario regionale del Pd, Silvio Lai, ha detto "Piras ha compreso bene il danno fatto a sé e al Pd. Frasi come quelle non gli appartengono ma non è giustificabile neanche per paradosso invocare la violenza verso un altro e ancora di più lo stupro. Per nessuna ragione, neanche la più giusta". Fatto sta che su Facebook si continua a usare un lessico da angiporto, offensivo e a volte stupidamente pericoloso, senza che ci sia nessuno strumento giuridico in grado di fare un po' di prevenzione. Del resto se solo uno ne parla viene accusato d'essere un censore.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here