Diritto d’autore/Siae: Fucksia (FL), Italia rischia infrazione e Governo difende monopolio

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Diritto d’autore/Siae: Fucksia (FL), Italia rischia infrazione e Governo difende monopolio

20 Luglio 2017

“Sul tema dei diritti d’autore è opportuno fare un po’ di chiarezza”. Lo dichiara la senatrice Serenella Fucksia, vicecapogruppo di “Federazione della Libertà”. “Negli ultimi due anni – prosegue – abbiamo sollecitato in ogni modo la liberalizzazione del settore. Insieme ai colleghi Quagliariello, Ichino, Gibiino e altri abbiamo chiesto più volte al governo che la direttiva Barnier, che liberalizza il mercato dei diritti d’autore, venisse recepita in Italia eliminando il monopolio Siae. Ci è stato risposto che il monopolio sarebbe coerente con il diritto Ue. Oggi si apprende che la Commissione europea, dopo aver esaminato il decreto legislativo di recepimento, aprirà nei confronti del nostro Paese una ennesima procedura di infrazione per aver liberalizzato a metà, che si aggiunge a quella ancora pendente per ritardato recepimento”. “Alla Camera, intanto – osserva ancora Fucksia -, è stato ritenuto inammissibile un emendamento dell’on. Minnucci alla Legge europea, in quanto la seconda procedura di infrazione non è stata ancora formalmente aperta. Ancora una volta la sostanza soccombe al formalismo: sappiamo che stiamo sbagliando ma non possiamo farci nulla e ci toccherà pagare le sanzioni di Bruxelles. In Senato faremo di tutto per correggere questo errore che, oltre a lasciare in piedi un dannoso monopolio – conclude -, determinerà ulteriori costi a carico dello Stato”.