Disastro di Viareggio. Salgono a 22 le vittime, morta una donna

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Disastro di Viareggio. Salgono a 22 le vittime, morta una donna

03 Luglio 2009

È morta oggi pomeriggio, nel reparto di anestesia e rianimazione dell’ospedale di Pisa, la 22/a vittima dell’esplosione avvenuta alla stazione di Viareggio. È una donna di 40 anni che aveva riportato ustioni al 100 per cento del corpo.

In merito all’incidente alla stazione di Viareggio "lunedì nella riunione di giunta formalizzeremo la nostra costituzione a parte civile e inizieremo a lavorare su questo punto e sulla nostra posizione giuridica". Lo ha detto il presidente della Regione Toscana Claudio Martini a margine della presentazione oggi a Firenze della nona edizione del Meeting di San Rossore (Pisa). Martini ha aggiunto che "lavoreremo anche per capire come portare avanti la nostra richiesta di abbassare la velocità di transito dei treni merci nelle stazioni cittadine. In quest’ottica valuteremo tutte le nostre possibili iniziative legislative o di richiesta legislativa".

Intanto, secondo fonti governative, il Consiglio dei Ministri riunito oggi non solo ha varato il decreto del presidente del Consiglio per la dichiarazione dello stato di emergenza in vigore fino al 31 dicembre 2009, ma ha anche deciso il lutto nazionale nel giorno dei funerali solenni delle vittime dell’incidente ferroviario di Viareggio. Nei prossimi giorni seguirà anche un’ordinanza ad hoc della presidenza. Spetterà poi al ministro dell’Economia Giulio Tremonti trovare i fondi disponibili e quantificare l’entità delle risorse stanziate per i danni.