Dl Irpef, Ncd non molla sulla estensione del bonus alle famiglie numerose

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Dl Irpef, Ncd non molla sulla estensione del bonus alle famiglie numerose

03 Giugno 2014

Il Parlamento lavora sul Decreto Irpef che, dopo l’analisi in Commissione Bilancio, probabilmente sarà sottoposto a voto di fiducia della Camera domani; il provvedimento, che contiene la ormai celebre norma sugli 80 euro in busta paga, dovrà essere convertito in legge entro il 23 giugno. Il relatore di Ncd, Antonio D’Ali’ ha confermato che il bonus ci sarà ed ha annunciato che su proposta del Nuovo Centrodestra obiettivo resta quello di estendere il bonus alle famiglie numerose. "Sul bonus Irpef per le famiglie monoreddito con figli adesso si proceda senza alcuna marcia indietro" ha sottolineato il portavoce di Ncd, Barbara Saltamartini, "Per il Nuovo Centrodestra si tratta di una proposta prioritaria per dare  risposta concreta ai nuclei familiari numerosi e per questo, come affermato anche dal nostro relatore, andiamo avanti certi che la misura di equita’ sia inserita nella discussione al Senato". Resta così com’è il taglio del 10 per cento dell’Irap, anche se per D’Ali occorre mettere mano a un "riordino della imposta" più che a tagli lineari. Le coperture dei provvedimenti tra le altre cose, dovrebbero arrivare dalle privatizzazioni confermate dal ministro Padoan: "Alcune privatizzazioni, come Poste ed Enav, sono già partite, altre arriveranno da qui a fine anno. Riteniamo che la cifra di 0,7 punti del Pil sia tuttora valida". Commentando le pagelle arrivate ieri da Bruxelles Padoan ha spiegato che "io l’ho preso come un incoraggiamento: non si può continuare a ignorare la dimensione qualitativa delle riforme e fermarsi allo zero virgola".