Donald Trump mascariato, “insulti e molestie a 50 donne”

Dona oggi

Fai una donazione!

Sostieni l’Occidentale

Donald Trump mascariato, “insulti e molestie a 50 donne”

15 Maggio 2016

Tutto come previsto: il New York Times pubblica una inchiesta a orologeria su Trump sessista, il candidato repubblicano alla Casa Bianca sarebbe un playboy impenitente che ha fatto avances alle reginette di bellezza, ha rivolto insulti pesanti alle sue collaboratrici sovrappeso, e che in generale tratta male le donne.

Tutto come previsto: Donald Trump macina voti, lo schiacciasassi ormai ha raggiunto Hillary Clinton nei sondaggi ed è stato la vera sorpresa di questa campagna elettorale. Così, non potendo fare altro che prenderne atto, i giornaloni americani di stampo liberal mettono sotto osservazione le sue relazioni private.

Già il titolo della inchiesta è tutto un programma: “Superare il limite: come Donald Trump si comporta con le donne in privato”. “Complesso e a volte contraddittorio ritratto” del miliardario, scrive New York Times, che “da una parte favorisce le carriere delle sue dipendenti, dall’altra prende in giro il loro aspetto o fa loro delle avances non richieste”.

E giù 50 intervistone a donne che in un modo o nell’altro sono state ‘molestate’ da Trump, elenco variopinto che comprende ex fidanzate, partecipanti a Miss Universo, la storica gara di bellezza per anni organizzata da Trump, colleghe di lavoro.

Ora siccome Trump è uno che se le va a cercare, e per inciso, è contentissimo di andarsele a cercare, se lo doveva pure aspettare che dopo aver attaccato Hillary sui vizietti del marito Bill fosse a sua volta preso di mira sulla sua vita sessuale e i rapporti che ha con le donne.

In ogni caso colpisce sempre la tempestività della grande stampa liberal quando incontra sulla sua strada candidati “impresentabili” che rompono con l’establishment e il bon ton politicamente corretto.

Se uno ricorda la storia del presidente democratico che alla Casa Bianca pare si dilettasse con la sua assistente, si sta solo infangando la memoria di un grande uomo.

Se invece c’è bisogno di mascariare Trump, allora vanno bene pure 50 interviste. Con la differenza che Donald, alla Casa Bianca, non c’è ancora entrato. Manca poco però.