Droga, ricercatori: consumo in vertiginoso aumento

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Droga, ricercatori: consumo in vertiginoso aumento

03 Dicembre 2007

Gli italiani che consumano droga, soprattutto cocaina, cannabis ed eroina, sarebbero in netto aumento.

Se, ad esempio, oggi i consumatori di cocaina sono stimati intorno a 800 mila, nel 2010 potrebbero arrivare ad essere 1,1 milioni, con un aumento del 40%.

Il dato, che parla di “un futuro peggiore del presente” sul tema della droga, è stato presentato oggi a Milano durante il convegno “Le vie di uscita dal futuro” dal PrevoLab, il laboratorio previsionale sull’evoluzione dei fenomeni di abuso.

Il PrevoLab, gestito dalla Asl Città di Milano, è stato avviato alcuni anni fa con un accordo di programma tra la Presidenza del Consiglio, Regione Lombardia e la stessa Asl.

I suoi esperti coordinano un vero e proprio osservatorio di analisi dati, e utilizzano anche modelli matematici per prevedere l’andamento del consumo di droga nei prossimi tre anni. Andamento che, secondo gli esperti, e’ in crescita per tutte le principali droghe, prima su tutte la cocaina.

In particolare, secondo gli esperti del PrevoLab “il numero dei consumatori di cocaina nel 2010 sara’ compreso fra gli 800 mila e 1,1 milioni di individui, circa il 3% della popolazione italiana fra i 15 e i 54 anni. Un trend di crescita ben definito, che passa piu’ attraverso l’ampliamento del numero dei consumatori, piuttosto che l’incremento del consumo medio”.

Questo, sia perchè “negli ultimi anni si sta consolidando la vendita di micro-dosi con prezzi unitari molto bassi, affiancata alla costante distribuzione della dose classica”, sia perchè “negli ultimi anni il principio attivo si è ulteriormente frammentato, con una significativa tendenza al ribasso”.

In pratica, gli esperti ipotizzano che ai consumatori abituali si stiano aggiungendo sempre più “consumatori iniziali, occasionali, non smaliziati, a cui corrisponderebbe la disponibilità di sostanza con una percentuale bassa di principio attivo”.

Per l’eroina, poi, “si può ipotizzare un aumento dei consumatori tra il 10% e il 20% – spiega il PrevoLab – che potrebbe riguardare soprattutto i più giovani, che non hanno l’immagine storica dell’eroina connessa con malattia, devianza ed emarginazione. Questo porta a suggerire una forte attenzione preventiva soprattutto per la fascia tra i 14 e i 20 anni”.

Anche per la cannabis si ipotizza ‘un forte aumento, dai 3,5 milioni di consumatori attuali a circa 4,5 milioni nel 2010’.
Il numero di chi fa uso di droghe, pero’, e’ inferiore alla somma di queste stime: infatti, spiegano gli esperti, sempre piu’ spesso una singola persona abusa di piu’ droghe. ‘PrevoLab disegna un futuro peggiore del presente – dice il suo responsabile Riccardo Gatti – in cui sempre piu’ persone compiranno normali azioni in stato di alterazione mentale, mentre le organizzazioni connesse al mercato della droga avranno una sempre maggior incidenza sulla societa’ civile. Creare consapevolezza su questi concetti e’ straordinariamente importante’