Ecce Italicum, la legge elettorale secondo Renzi

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Ecce Italicum, la legge elettorale secondo Renzi

22 Gennaio 2014

Ecce Italicum. Matteo Renzi ha definito così la sua proposta di riforma della legge elettorale presentata alla assemblea del Pd. I punti salienti della proposta sono un sistema proporzionale che si ispira al modello spagnolo ma viene modificato pesantemente: la base sarà proporzionale con calcolo fatto a livello nazionale, ci saranno diverse soglie di sbarramento (5 per cento per partiti in coalizione, 8 per cento per i non coalizzati, 12 per cento per coalizioni), verrà ridotto il numero delle circoscrizioni e in ogni collegio ci saranno liste "corte" con massimo 5 candidati. Previsto infine un premio di maggioranza per il partito o la coalizione più votata che arriverà al meno al 35 per cento dei voti, premio che non potrà oltrepassare il 55% dei voti. Se nessun partito o coalizione arriverà al 35 è previsto un secondo turno per l’assegnazione del premio di maggioranza, gara aperta ai partiti o alle coalizioni più votate al primo turno e senza "apparentamenti".