Home News Economist: sui rifiuti la colpa è di Prodi

Economist: sui rifiuti la colpa è di Prodi

0
33

Il settimanale inglese Economist torna a parlare dell'Italia e in un articolo sull'emergenza rifiuti in Campania, sottolinea che la crisi, più che il settore igienico-sanitario, riguarda la capacità di governare.
La critica al governo Prodi è esplicita. "I rifiuti lasciati per strada - sottolinea l'articolo - possono non solo essere dannosi per la salute, ma anche pericolosi politicamente. Ricordano agli elettori la fragilità della civiltà e possono indurli a prendersela con i loro rappresentanti politici". "Sorprendente a prima vista che il governo di centrosinistra di Romano Prodi abbia lasciato che la situazione in Campania e a Napoli diventasse così puzzolente". La crisi, avverte, più che la spazzatura riguarda la capacità di governare e non deve essere sottovalutata. L'Economist ricorda che la piaga rifiuti affligge la Campania da ben 14 anni, con 8 miliardi di euro spesi e ora 60mila tonnellate di rifiuti sono accatastate sulle strade e 5mila stazionano nella stessa città di Napoli. E mentre la città scoppia dalla spazzatura, i residenti di Pianura ingaggiano guerriglie notturne con la polizia per evitare la riapertura della discarica. L'inceneritore che avrebbe dovuto essere pronto non lo era e la raccolta dei rifiuti si è fermata il 21 dicembre perché le discariche campane erano piene. "Entrambi gli sviluppi erano ampiamente prevedibili", commenta il settimanale londinese che ricorda come "il sindaco del centrosinistra di Napoli Rosa Russo Iervolino avvertì Prodi della crisi che si prospettava all'orizzonte un anno fa. Ma niente è stato fatto". (apcom)


  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here