Elezioni USA, tra Obama e Hillary è scontro sul Web

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Elezioni USA, tra Obama e Hillary è scontro sul Web

04 Dicembre 2007

La battaglia per le primarie tra Hillary Clinton e Barack Obama, due tra i favoriti in campo democratico, si combatte anche a colpi di web.

A circa un mese dai primi scrutini primari, il 3 gennaio in Iowa e l’8 in New Hampshire, sul suo sito Obama ha aperto una sezione “Hillary Attacks” (Hillary Attacca), dedicato al moltiplicarsi dei colpi bassi dell’ex first lady che puntano a sfruttare la sua poca esperienza, contro il senatore nero dell’Illinois.

L’occhiello del sito cita il New York Times, secondo cui Hillary ha spiegato ai giornalisti al suo seguito “adesso comincia il divertimento, insistendo sulla parola divertimento”, riferendosi al duello senza esclusioni di colpi tra lei ed Obama.

L’ex first lady ha dal canto suo aperto il sito “HillaryHub”, dove un’inquietante e mostruosa zucca vuota di Halloween porta all’editoriale dalla campaign manager della signora, Patti Solis Doyle.

La Doyle sostiene che nell’Iowa diversi elettori di Hillary hanno ricevuto false telefonate, con indicazioni sbagliate per i “caucus”, cioè le assemblee che il 3 gennaio dovranno esprimersi sui candidati alle primarie.

Intanto i sondaggi continuano a dare segnali contraddittori: quello pubblicato da Usa Today indica che Hillary (e tra i republicani lo stesso sta succedendo con il front-runner Rudy Giuliani) sta perdendo terreno a livello nazionale: è ora a quota 39% (contro 48), mentre Obama passa dal 21 al 24%, e l’ex senatore John Edwards dal 12 al 15 %.

In Iowa, se si prendono in considerazione i margini di errore, i tre candidati sembrano alla pari, intorno al 25%, nella maggior parte dei sondaggi recenti, con l’eccezione di quello Ap-Pew: da’ l’ex first lady ampiamente in testa nelle prime tre primarie: 31% in Iowa, 38% in New Hampshire, 45% in South Carolina.