Fiat. A Pomigliano d’Arco precari sul tetto per protestare

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Fiat. A Pomigliano d’Arco precari sul tetto per protestare

26 Gennaio 2010

Sono saliti sul tetto del Municipio e minacciano di darsi fuoco i 38 lavoratori della Fiat di Pomigliano d’Arco (Napoli), che stanno occupando la sala consiliare da oltre un mese, per protestare contro il mancato rinnovo del contratto da parte dell’azienda, scaduto il 31 dicembre scorso.

Gli operai stanno suonando le campane dell’adiacente chiesa del comune di Pomigliano, aiutandosi con un bastone, chiedendo a gran voce di essere riassunti nello stabilimento automobilistico. I lavoratori hanno acceso un fuoco sul tetto del municipio, ed alcuni manifestanti avrebbero portato anche alcune tende e gazebo. "Abbiamo con noi anche la benzina – hanno spiegato – siamo pronti a tutto pur di assicurarci un futuro occupazionale che ci consenta di mandare avanti le nostre famiglie".