Home News Fiat. Gabetti: “Marchionne ed Elkann non hanno bisogno di consigli”

Fiat. Gabetti: “Marchionne ed Elkann non hanno bisogno di consigli”

0
34

Marchionne ed Elkann “non hanno bisogno di consigli, sanno che l'industria globale deve adattarsi ogni giorno al mutamento, senza soste. Una lezione che l'Avvocato ripeteva a John, e lui l'ha imparata davvero bene”. In una intervista al Sole 24 Ore, Gianluigi Gabetti commenta il passaggio di consegne tra Luca Cordero di Montezemolo e l'erede Agnelli e la presentazione del nuovo piano per il Lingotto.

Fu l'Avvocato, ricorda, “a plasmare Jaki”: due “temperamenti diversi”, ma lo stesso “dna sul lavoro”. Dopo “la morte di Umberto - aggiunge ripercorrendo la storia del gruppo - Montezemolo ha garantito la transizione, Marchionne ha aggredito il mercato e Jaki ha garantito la continuità familiare”.

E oggi, al centro della nuova Fiat ‘globale’ ci sarà “l'idea che la finanza serve a produrre industria e lavoro. Le ristrutturazioni in corso in Italia e nel mondo rispondono a questo criterio”. Certo, modificare la base industriale non sarà semplice, “ma il sindacato deve comprendere - e io spero davvero che lo faccia in tempi di radicale trasformazione economica e sociale - che il nuovo offre sviluppo”. Il gruppo spera “che un'atmosfera sociale di collaborazione porti a inquadrare i necessari sacrifici locali della delocalizzazione con le opportunità di crescita e riorganizzazione anche da noi. Spero che il sindacato collabori in tal senso”.

 

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here