Fiat investirà in Italia, la scommessa di Gros-Pietro

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Fiat investirà in Italia, la scommessa di Gros-Pietro

03 Gennaio 2014

Gian Maria Gros-Pietro, consigliere della Fiat e presidente del Consiglio di Gestione di Intesa Sanpaolo commenta così l’operazione Chrysler in una intervista al Messaggero: Per l’Italia il vantaggio è enorme, senza Chrysler la Fiat da sola avrebbe avuto un futuro assai problematico". E ancora, "Una unione incompleta, come quella sperimentata finora, avrebbe mortificato le possibilità di entrambe. Il controllo totale, che consente di gestire in modo unitario i due complessi, è stato ottenuto ad un valore assai contenuto rispetto ai multipli del settore". Rispetto all’Italia, "Marchionne ha promesso di presentare presto un nuovo piano industriale. Possiamo contare intanto sulla capacità da lui dimostrata di portare Fiat a una situazione neppure immaginabile quando ne prese la guida. E sull’impegno di Elkann e Marchionne di continuare a investire nel nostro Paese".