Home News Filippine, Partito Comunista contro l’esercito

Filippine, Partito Comunista contro l’esercito

0
9

Il Partito Comunista delle Filippine (Cpp), bandito dal paese, contesta il capo delle forze armate Hermogenes Esperon, che ha affermato che gli uomini dell'Esercito del Nuovo Popolo (Npa), combattenti ribelli, si sono ridotti di novecento elementi dall'inizio dell'anno.

“Le forze armate filippine non hanno riportato alcuna significativa vittoria contro l'Npa quest'anno, ma al contrario negli ultimi mesi hanno subito varie e significative perdite”, ha dichiarato oggi Gregorio 'Ka Roger' Rosal, portavoce del Partito Comunista.

L'Npa è il braccio armato del Cpp, che ormai da decenni lotta per trasformare le Filippine in uno stato maoista. Nella sua dichiarazione, Rosal ha indicato una lista di scontria suo parere vinti dal Npa lo scorso anno.

Martedì, in un suo intervento martedì  alla conferenza del comando a Camp Aguinaldo, Esperon ha detto che dalla fine dello scorso anno l'esercito è riuscito a ridurre le forze dell'Npa di novecento elementi. L'esercito ritiene che a tutt'oggi la guerriglia comunista conti settemiladuecento combattenti. Dal canto suo, l'Npa sostiene di averne 12mila.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here