Home News Filippine. Raccolta firme per Padre Bossi

Filippine. Raccolta firme per Padre Bossi

0
77

Al via una raccolta di firme per la liberazione di padre Giancarlo Bossi, il missionario del Pime rapito il 10 giugno scorso nelle Filippine. Come si apprende dall’agenzia Asianews, l’iniziativa nasce da Tomas Concepcion, artista filippino di 74 anni, che vive a Roma da parecchi anni ed è tornato nel suo paese d’origine per promuovere questa campagna.

Cocepcion ha realizzato un ritratto del missionario, sotto al quale cristiani e mussulmani, uniti in questa battaglia, potranno apporre la propria firma per chiederne il rilascio. Il ritratto (color nero e seppia di 80x100 centimetri) verrà affisso su un supporto molto grande in modo da lasciare spazio ai sostenitori del movimento interreligioso, che si batte per il rilascio di padre Bossi, di sottoporvi le loro firme.

 “Con le mie opere – ha dichiarato l’artista – desidero superare le divisioni fra le religioni e promuovere l’unità. Non so se servirà allo scopo, ma ogni iniziativa credo possa essere utile per ottenere la liberazione di padre Bossi”.

Cocepcion, che è stato anche parlamentare ai tempi del governo del presidente Fidel Ramos, sostiene che la numerosa comunità filippina in Italia debba “esercitare pressioni sui musulmani” perché si battano in difesa del missionario del Pime che ha sempre portato grandissimo rispetto per la comunità islamica. Aggiunge inoltre che “i filippini sono molto preoccupati” per le sorti di padre Bossi.

 “L’obiettivo alla base dell’opera – conclude Tomas Concepcion – è permettere tanto ai cristiani quanto ai musulmani di esprimere la loro indignazione per il rapimento e manifestare il desiderio comune che padre Bossi venga liberato al più presto”.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here