Finanziaria, approvata in commissione. L’opposizione lascia

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Finanziaria, approvata in commissione. L’opposizione lascia

07 Dicembre 2009

Percorso ancora tumultuoso per la legge Finanziaria. Le opposizioni hanno abbandonato i lavori della commissione Bilancio alla Camera dove era in corso l’esame della legge di bilancio. Pd, Idv e Udc, hanno prima denunciato in aula quella che hanno definito una “anomalia”, uno “sfregio nuovo e innovativo” e un “precedente gravissimo”, cioè una sorta di voto di fiducia direttamente in commissione sul maxiemendamento presentato dal relatore.
Successivamente però il maxiemendamento è stato approvato in commissione bilancio con il voto della sola maggioranza. Il testo può approdare così all’aula che avvierà l’esame mercoledì prossimo.

“Al di là delle scelte politiche che non sta al presidente della Camera commentare, il rispetto del regolamento è stato totale, e su questo l’opposizione ha convenuto” avrebbe dichiarato dopo la decisione dell’opposizione il presidente della Camera Gianfranco Fini secondo quanto rilevano fonti della presidenza della Camera.

Il voto è cominciato e si è concluso in poco più di dieci minuti. Il maxiemendamento presentato dal relatore è passato con una modifica dell’ultima ora. Per quanto riguarda i ritocchi alla formulazione del testo dove si ripartiscono i fondi dello scudo fiscale, 30 milioni (nel biennio 2010-2011) andranno al ministero degli Affari esteri per le sedi internazionali mentre nuove risorse arriveranno per il rinnovo contrattuale dei circa 100 operai a tempo determinato del Corpo forestale.

La fiducia in Aula sulla Finanziaria “dipenderà dagli emendamenti presentati. Se l’opposizione presenterà numerosi emendamenti è probabile; altrimenti non è detto” ha spiegato il viceministro all’Economia, Giuseppe Vegas, il quale ha aggiunto che “governo e relatore terranno il testo approvato in commissione Bilancio”.