Finanziaria, Bersani: “È un buon lavoro, non rovinatelo”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Finanziaria, Bersani: “È un buon lavoro, non rovinatelo”

28 Settembre 2007

La Finanziaria 2008 è “una buona operazione, cerchiamo di
non rovinarla” con le liti tra i partiti della coalizione. Lo ha detto il
ministro dello Sviluppo economico, Pier Luigi Bersani. Intanto a Palazzo Chigi
è in corso un incontro tra Romano Prodi e ilo ministro dell’Economia Tommaso
Padoa Schioppa.

“Abbiamo nelle mani una buona operazione fatta di politiche
sociali, di una colossale semplificazione per le imprese e di una ripresa degli
investimenti pubblici, cerchiamo di non rovinarcela – ha detto Bersani – arriva
a conclusione di un lavoro durato mesi e dentro c’è più di quanto ci si aspetta”.

Siamo al rush finale prima del consiglio dei ministri, ma le
tensioni interne alla maggioranza non sembrano placarsi e l’avviso di Bersani
resta inascoltato. Infatti, Lamberto Dini, avvicinato dai giornalisti a Palazzo
Madama, commenta così le vicende sulla manovra: “Mi domando dove siano le
proposte dei Ds e della Margherita sulla legge finanziaria. Dove sono ? Non ci
sono! Ma è possibile che non hanno idee da portare avanti e da mettere nella
finanziaria ? Noi liberaldemocratici le abbiamo e le mettiamo sul tavolo”.

Il leader dei liberaldemocratici si augura anche che non ci
siano cedimenti nei confronti delle richieste della sinistra radicale. “Vanno
bene gli orientamenti sulla pressione fiscale e sulla riduzione della spesa
corrente. Poi dobbiamo vedere la composizione della manovra. Spero -dice Dini-
che non ci siano cedimenti alle richieste della sinistra antagonista. Quello
che mi sorprende e’ che sia il Presidente del Consiglio sia i componenti della
maggioranza siano sempre costretti a mediare e a cedimenti nei riguardi di
Rifondazione comunista e degli altri”.