Finanziaria, Gasparri: le parole di Dini parlano chiaro

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Finanziaria, Gasparri: le parole di Dini parlano chiaro

16 Novembre 2007

«Anche se la finanziaria è stata approvata, è evidente lo stato di crisi del governo dopo le dichiarazioni molto esplicite di Dini. La sinistra fa male ad ostentare troppa soddisfazione». Così Maurizio Gasparri (An).

«Intanto la finanziaria – prosegue – deve venire alla Camera e dovrà certamente tornare al Senato e si potrà ingarbugliare incrociandosi con il provvedimento sul welfare molto sgradito ad alcuni settori del centrosinistra. Resta comunque il fatto che AN intende avviare un confronto sulle regole del sistema a 360 gradi. Lo faremo – conclude -avendo come stella polare la volontà degli elettori del centrodestra e la difesa del bipolarismo e su questo cammino tutti devono ricordare che la scadenza più importante è quella referendaria».

Dini non ha abbandonato Prodi, ma da oggi lavora ufficialmente per «superare rapidamente l’attuale quadro politico perché il governo non appare adatto a realizzare le politiche necessarie ad invertire la tendenza al declino economico e civile del paese».

«Mentre Veltroni propone pasticci – aggiunge Gasparri – con il voto popolare si può cambiare la legge elettorale rafforzando il sistema bipolare e spazzando la strada da partiti e partitini che servono solo per ricattoni e ricattini. L’Italia vuole due grandi schieramenti alternativi».

«E la destra si candida ad essere la locomotiva di una vasta area – conclude Gasparri – dal convegno di Assisi che cade tempestivo ed ha un titolo molto chiaro, ‘Il tempo delle sceltè, sabato e domenica lanceremo una sfida piena di contenuti ai nostri avversari ed un’esortazione precisa ai nostri alleati».