Finanziaria, stop alla riunione: lite su Legge elettorale

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Finanziaria, stop alla riunione: lite su Legge elettorale

12 Dicembre 2007

Le tensioni nella maggioranza, che
nascono da contrasti sulla legge elettorale, impongono uno stop ai
lavori sulla Finanziaria.

I piccoli dell’Unione protestano per
l’iter della riforma della legge elettorale e chiedono
quantomeno un chiarimento politico all’interno della maggioranza
e con il governo.

Verdi, Pdci, Udeur e i socialisti sono quelli ad aver puntato
di più i piedi, arrivando ad abbandonare la riunione dei
capigruppo dell’Unione convocata per questa mattina e che
ufficialmente aveva all’ordine del giorno la finanziaria.

Ma
della manovra non se ne è mai parlato, l’unico tema è stato la
legge elettorale.
Se i quattro partiti sono i più arrabbiati, anche Italia dei
valori e Sinistra democratica contestano però il metodo
utilizzato.

Nessun commento, invece, da Rifondazione comunista.

La riunione è praticamente terminata poco dopo la decisione
dei Verdi, del Pdci, dell’Udeur e dei socialisti di lasciare i
lavori. Nello studio però del presidente dei deputati del Pd
Antonello Soro è però arrivato il ministro per i Rapporti con
il Parlamento Vannino Chiti.