Fini presidente della Camera

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Fini presidente della Camera

30 Aprile 2008

Inizia la presidenza di Gianfranco Fini a Montecitorio. Il leader di An
sale allo scranno più alto di Montecitorio dopo 25 anni di presenza in
Parlamento.

«Come i miei predecessori Violante e Bertinotti sono anch’io un uomo di
parte, fortemente convinto della bontà dei valori che hanno ispirato il
mio impegno politico, ma in questo importante incarico istituzionale mi
impegnerò per il rigoroso rispetto della parità dei diritti di tutti i
parlamentari».

Tutti i deputati della Pdl, ma anche tutti gli esponenti
dell’opposizione hanno battuto a lungo le mani non appena il presidente
di turno della Camera, Pierluigi Castagnetti, ha annunciato il
raggiungimento del quorum.

Nel suo discorso di insediamento il leader di An (eletto con 335
voti su 611 votanti) ha rivolto un «doveroso e sincero» saluto al
presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, un pensiero al neo
eletto presidente del Senato Renato Schifani e per finire un omaggio a
Benedetto XVI.

«La XVI – è l’auspicio di Fini – dovrà essere davvero una
legislatura Costituente», nella convinzione di «interpretare il
pensiero di tutte le forze politiche». Sarebbe «sbagliato», ha
affermato il nuovo presidente di Montecitorio, «dire che nulla è stato
fatto». Ma «le sfide del nostro tempo esigono di dare risposte ai
cittadini per arrivare a istituzioni più efficienti e moderne».