Fmi: senza innovazione l’Italia non andrà lontano

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Fmi: senza innovazione l’Italia non andrà lontano

10 Maggio 2014

 Secondo il Fondo Monetario Internazionale il vero problema dell’Italia non e’ solo un mercato del lavoro con troppi vincoli, bensì la scarsa capacità di innovazione, sul fronte ricerca e tecnologia, ad impedire una piena ripresa del Paese. In uno studio dell’economista Andrew Tiffin, intitolato "European productivity, innovation and competitiveness: the case of Italy", si legge che “l’aumento dei costi dei fattori produttivi in Italia non si è tradotto in un aumento equivalente dei prezzi relativi dei beni italiani, in parte a causa del ruolo delle importazioni a basso costo da Paesi a bassa inflazione”. Non solo, la bassa innovazione influisce anche negativamente sul nostro export, che pure ha trainato la nostra economia durante la grande crisi. In ogni caso, il Fondo Monetario punta il dito anche sulle mancate riforme strutturali e di sistema e sul peso anch’esso negativo della troppa burocrazia.