Fornitura d’armi, intesa tra Francia e Libia

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Fornitura d’armi, intesa tra Francia e Libia

03 Agosto 2007

Il ministro della Difesa francese, Hervè Morin, ha confermato l’esistenza di un’intesa con Tripoli per la fornitura d’armi.

“C’è una lettera di intenti per l’acquisto da parte della Libia di missili anticarro Milan e di sistemi radio”, ha annunciato Morin, intervistato dall’emittente radiofonica RTL, dopo che la stampa francese aveva parlato di commesse militari per un valore complessivo di 300 milioni di euro.

Mercoledì “Le Monde” ha pubblicato un’intervista a Seif al-Islam, figlio del leader libico Muammar Gheddafi, svelando gli accordi tra Parigi e Tripoli nel quadro della cooperazione militare. Proprio il figlio del colonnello libico ha affermato che il “vero cuore delle discussioni” tra Francia e Libia, nell’ambito della vicenda delle infermiere bulgare non era un progetto per lo sviluppo del nucleare civile, bensì “la questione militare”.