Home News Freedom Flottilla, i pacifisti turchi erano pronti al martirio

La video-notizia

Freedom Flottilla, i pacifisti turchi erano pronti al martirio

4
28

In questo video girato prima del fallito attacco dei commando israeliani sulla nave turca Marmara, i "pacifisti" dell'Ihh si preparano al "martirio", come lo chiama la loro guida, ma anche a "rigettare a mare" i militari israeliani quando scenderanno sulla nave.

  •  
  •  

4 COMMENTS

  1. …nel frattempo, non dite
    …nel frattempo, non dite una parola sugli ebrei ortodossi che, gonfi di un razzismo senza pari, manifestano in piazza minacciando la guerra civile per una sentenza che li obbliga a non esercitare la divisione etnico-razziale, nelle scuole, nei confronti di alcune componenti non ashkenazite…

  2. Appunto: in Israele vige la
    Appunto: in Israele vige la legge, rivolta a sopprimere e punire la discriminazione, soprattutto nelle forme violente.

    Quale legge equivalente regge gli stati nemici di Israele?

  3. I “nemici di Israele” non
    I “nemici di Israele” non hanno uno stato…vivono in un territorio occupato…

  4. Propaganda, per celare
    Propaganda, per celare (male) un fatto ineluttabile,la morte di civili in acque internazionali. Non si può difendere Israele per partito preso, mettendo l’accento sulla reazione degli attivisti senza ricordare che sono state sequestrate e distrutte tutte le apparecchiature di tutti i passeggeri, che avevano filmato e ripreso la verità di un violento attacco. Nei ns. giornali non c’è traccia delle interviste dei sopravvissuti, mentre sarebbero da pubblicare per il raccapriccio che suscita la loro lettura, un inquadramento più obiettivo di tutto l’accaduto. Ciò che avvenuto sul ponte è la punta dell’iceberg. Provate ad informarvi su cosa è avvenuto nelle carceri…dove i sequestrati hanno passato ore nudi, senza cibo nè acqua, umiliati e costretti a posture forzate, alcuni pestati e derisi, insomma, un esempio di democrazia e legittima difesa. Questa volta, nonstante i patetici tentativi, Israele è indifendibile, va ammesso per senso critico.
    Informarsi sui fatti è d’obbligo, e qui pare che lacune siano tantissime.
    Infine, per rispondere al secondo commentatore, ricordiamo che i nemici di Israele non sono uno stato, perché vivono in Israele…

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here