Home News Fuoco incrociato contro Follini da due attenti lettori

Fuoco incrociato contro Follini da due attenti lettori

1
2

Due nostri affezionati e prolifici lettori - entrambi molto attenti alle cose politiche itaiane - ci hanno inviato nello stesso giorno una riflessione su Marco Follini. Lo spunto è l'adesione dell'ex deputato Udc al gruppo dell'Ulivo, ma la coincidenza dei due scritti richiede particolare attenzione. L'analisi di Enzo Sara e di Vito Schepisi è lucida e non benevola. Noi per ora ci asteniamo ma la tentazione di non dargli tutti i torti è forte.



Follini: io c'entro

Il cerchio si chiude. Il senatore Marco Follini è passato ufficialmente dal gruppo misto al gruppo dell'Ulivo. Nessuna sorpresa, per carità, visto che l'ex leader dell'Udc era già stato cooptato nel maxi-comitato dei demiurghi del Partito democratico. In Italia, d'altra parte, il trasformismo è una malattia antica e fin troppo radicata. Eppure ci sono comportamenti, come nel caso in questione, che superano abbondantemente ogni confine della logica e della decenza.

Una premessa: da sempre il sottoscritto ammira i Grandi Matti, i coraggiosi visionari, i talenti genialoidi. E li preferisce di gran lunga ai "piccoli folli". Ma la parabola dell'occhialuto parlamentare è oggettivamente quanto di più mediocre, deprimente e sconcertante abbia offerto il nostro panorama politico da parecchio tempo a questa parte. Stiamo parlando, infatti, di un signore che nella scorsa legislatura non era (ahinoi) un pincopallino qualsiasi, costretto a subire un progetto politico come un soldatino semplice senza voce in capitolo. Per chi se ne fosse dimenticato, Follini è stato il leader di uno dei partiti-chiave del centrodestra ed ha ricoperto appena appena la carica di vicepremier. Già, pensate un po' :  fu uno dei due vice di quel Berlusconi che adesso finge di considerare come un peso o addirittura come una minaccia per le "magnifiche sorti e progressive" del Centro moderato in Italia. Non riuscirà mai, dunque, a farci credere di essere stato soltanto uno spettatore impotente di fronte al destino cinico e baro. No, lui c'entra. Eccome se c'entra. Ma forse sta proprio qui l'equivoco. Credo che tutti ricordino perfettamente gli spot elettorali in cui Follini pronunciava la fatidica frase: "Io c'entro". Diciamo la verità: avevamo pensato tutti a un gioco di parole che indicasse la volontà di rafforzare il Centro. Invece il neo-ulivista si stava limitando a preannunciare la sua intenzione di accedere a una qualsiasi stanza dei bottoni opportunamente arredata con un congruo numero di poltrone. Di qui o di là, poco importa. Lo chiamano Harry Potter, ma di sicuro assomiglia più a Fregoli. Quelli come Follini parlano di Centro, ma hanno in mente solo un contenitore pieno di mastellini e mastelloni, trasformisti e travestiti della politica.

Solo pochi mesi fa, comunque, lo stesso Follini sembrava in grande apprensione per il futuro del centrodestra e pontificava  su come renderlo più assennato e pulitino, meno "chiassoso e populista" (parole sue, ovviamente). Lo statista incompreso - anche da se stesso - trascurava clamorosamente un altro fastidioso optional: la volontà della gente, il voto degli elettori. E sì, perchè alle scorse politiche Forza Italia, An e Lega ottennero complessivamente più del 40%: mica male per degli avventati populisti. Peraltro ricordo che, quando Giuliano Ferrara propose a Berlusconi di trasformarsi da leader e manager in "azionista di maggioranza" della coalizione, uno dei giovani adepti del senatore Follini si affrettò a commentare: "Pensiero stupendo". Doveva esserci un quid di freudiano, in quella reazione. Follini vola troppo alto per saperlo, ma "Pensiero stupendo" è il titolo di una vecchia canzone di Patty Pravo, che raccontava un amplesso a tre: un uomo e due donne. Ora l'una, ora l'altra. A pensarci bene, sembra la quintessenza di una certa concezione italica (e "folliniana") del centrismo. Anche alla luce degli ultimi sviluppi, quel brano potrebbe diventare un inno e un simbolo della moralità politica e della fedeltà di certi personaggi.

La Cdl, dunque, può salutare il senatore Follini senza rimpianti. E con l'augurio che il resto dell'Udc non lo segua mai sulle paludi dell'opportunismo, lasciandolo solo in quella sua "Italia di mezzo" tra il passato prossimo e il passato remoto. %3C/span>

   Enzo Sara

                                                                                                                          


Follini: la stampella di Prodi


 Non se se Follini l’abbia pensata di recente, ma quando era nell’Udc, appena un anno fa, si è candidato con questo partito ricevendo i voti che l’hanno promosso senatore dagli elettori della Cdl e del centrodestra. Di suo non contava un bel niente.  Ora si accorge di essere un fautore della vecchia democrazia cristiana che guarda a sinistra. Eppure anche un anno la Cdl era schierata sul centrodestra. Un anno fa esisteva già l’Ulivo ed all’interno una componente politica di estrazione democratico cristiana che si schierava con il centrosinistra. Il buffo è che ha sostenuto di non temere l’accusa di tradimento. Ma stia tranquillo il senatore Follini, nessuno pensa che quelli come lui arrivino a temere d’esser ridicoli! Spericolati, forse, e coriacei nella loro faccia tosta.

Folgorato sulla via di Damasco, il nostro, o coinvolto dal fallimento di un azzardo politico? Da segretario dell’Udc, il peggiore, ed esser più inconsistente di Cesa significa molto, aveva tentato il colpaccio. Approfittando di un incarico istituzionale di alto profilo concesso dalla Cdl a Casini, ha ritenuto che non ci fosse dimeno da chiedere se non la testa di Berlusconi e la restaurazione della nuova democrazia cristiana, allora però in contrapposizione alla sinistra. La via di Damasco deve esser proprio molto articolata e deve essere anche abbastanza assolata. Solo un’insolazione, infatti, poteva  provocare un così sgradevole rimescolamento di pensieri e strategie.

Ha sostenuto la discontinuità nella proposta politica della Casa della Libertà, senza però mai spiegare come dovesse svilupparsi. In molti infatti ne hanno tratto la convinzione che fosse l’espressione dell’idea tutta folliniana di sottrarre la leadership a  chi aveva credibilità politica e soprattutto elettorale, per sostituirla con quella di un altro leader politico. Non si osa, però, credere che intendesse sostituire la leadership di Berlusconi con la sua candidatura. Sarebbe proprio un vero peccato di presunzione! E senza neanche rendersi conto di essere accreditato di cifre appena decimali!

Follini aveva dichiarato cose del tutto contrarie appena un anno fa e si era risentito sulle voci che lo volevano attento alle sirene della sinistra! “Alla peggio andrò a casa. A sinistra no.” Eppure è persona che rilascia dichiarazioni dopo essersi allenato dinanzi allo  specchio. Chissà cosa ci avrà visto allo specchio in questa circostanza! Cosa pensare, infatti, di uno che aveva dichiarato, dopo aver fatto le consuete prove allo specchio: “Sia chiaro che non farò da stampella a un governo che dovesse zoppicare”?. Ora, invece, nel suo profilo si può scrivere che ha fatto da stampella a Prodi nei suoi momenti più difficili  e che grazie al suo voto al Senato la sinistra ha la maggioranza numerica.

“Il partito Democratico – sostiene Follini - sarà una DC che guarda a sinistra”. Per ora, però, nell’attesa, si è iscritto al Gruppo al Senato dell’Ulivo, capeggiato dalla DS Anna Finocchiaro.

Non si ha niente contro la vecchia democrazia cristiana. Se si percorre l’itinerario di un’analisi politica seria, si deve riconoscere che la DC ha costituito nel dopoguerra un riferimento importante per l’indirizzo politico del Paese. Oggi, però, si sono modificate le situazioni. L’appello al mondo cattolico non ha più la valenza della vecchia richiesta di condivisione di una scelta di riferimento storico e culturale che vedeva l’Italia, al pari degli altri paesi europei, concorrere all’affermazione di una civiltà che affondava le radici nella tradizione del cristianesimo e del pluralismo. Sono caduti i blocchi ed il pericolo, avvertito nella seconda metà del ventesimo secolo, del precipizio verso l’alternanza totalitaria al fascismo si è indebolito.

E’ maturata nella destra italiana una forte convergenza nel respingere ogni tentazione autoritaria. La democrazia cristiana non rappresenta più, in Italia, la domanda di centralità di una collocazione etico-sociale fatta di solidarietà e di valori. Oggi è superata dalla riscoperta dell’esigenza di porre la nuova centralità sui fattori economico-sociali che determinano lo sviluppo di una società moderna. Si è scoperto che lo sviluppo è anche benessere e potenzialità e che invece la solidarietà, senza che sia il frutto virtuoso della crescita, fatta solo di spesa pubblica e di pressione fiscale, ha un scopo effimero e temporaneo ed è destinata ad esaurirsi ed ad impoverire tutto il Paese.

Se il Partito Democratico vuol essere il nuovo nome della sinistra di estrazione socialista è un conto. Se deve, invece, essere la sintesi di visioni antitetiche di diversi indirizzi politici è evidente che si presenta e si presenterà per il futuro, in tutta la sua gravità, quel fallimento della mediazione dei partiti che alcuni chiamano crisi politica. Appare, infatti, evidente che si stia dinanzi piuttosto ad una crisi di identità della sinistra. Non si possono sostenere i bisogni delle fasce più deboli, se non si sostiene la crescita produttiva e la ricchezza del Paese.

Follini ora afferma che il Partito Democratico sia la nuova democrazia cristiana. Ammettendo che in Italia se ne senta il bisogno, vorremmo sapere cosa ne pensano D’Alema e Fassino e sentire anche la base del vecchio Pci. Consentiranno costoro che l’ultimo arrivato delinei il percorso, già di proprio tortuoso, del nuovo soggetto politico?

       Vito Schepisi

  •  
  •  

1 COMMENT

  1. Follini
    Non e’ che per caso c’entra in qualche modo la recente riconferma della moglie di Follini, dott.ssa Spitz, a capo dell’Agenzia del Territorio?
    Saluti

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here