Home News Gelo diplomatico tra Usa e Italia

Gelo diplomatico tra Usa e Italia

0
3

Roma. Il gelo diplomatico tra Italia e Stati Uniti – di cui la lettera agli italiani dei 6 ambasciatori Nato è solo il sintomo più plateale – è un processo che avanza da mesi. I tempi "bye bye Condi" tra D'Alema e il segretario di Stato americano sono evaporati rapidamente: oggi non c'è cordialità nei rapporti bilaterali e anche i canali diplomatici si sono fatti più ruvidi.

A Washington si sono accorti in poco tempo che la politica estera del  governo Prodi non è affidabile e soggiace all'alea di parti della maggioranza fuori controllo. Per questo l'Italia è stata messa sotto osservazione e sotto pressione.

Le prime avvisaglie del raffreddamento si erano avute già gennaio, all'indomani del bombardamento americano sulle basi somale di al Quaida, quando il ministro degli Esteri D'Alema condannò l'operazione con parole tanto perentorie quanto isolate.

Spogli è molto irritato 

Il fatto non sfuggì all'ambasciatore americano Ronald Spogli, uno che l'Italia la conosce non per antichi o folkloristici retaggi familiari, ma perché ci ha a lungo vissuto e studiato. Fu un campanello di allarme che contribuì a modificare l'impressione inizialmente benevola del Dipartimento di Stato verso D'Alema.

Seguirono poi i fatti legati alla base Usa di Vicenza, dove venne in evidenza la fragilità del governo in politica estera. Le immediate minacce di ritorsione che la sinistra radicale mise in campo contro la decisione di Prodi di confermare gli impegni in merito alla base Dal Molin, investirono frontalmente la missione italiana in Afghanistan. Ed è qui che bisogna guardare per capire il rapido aggravarsi dei rapporti transatlantici.

Gli sviluppi di questi giorni sono direttamente collegati al questione afghana, in cui l'Italia rappresenta l'anello debole di una catena che rischia di spezzarsi.

Non è un caso se la lettera dei sei ambasciatori è arrivata alla vigilia del vertice Nato di Siviglia, dove i tutti i problemi della presenza alleata in Afghanistan saranno messi sul tavolo senza tante cerimonie. 

I ministri della difesa della Nato saranno in quella sede sottoposti a fortissime pressioni per intensificare il loro sforzo militare in quel paese.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here