Georgia: Lo stato d’emergenza verrà revocato venerdì

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Georgia: Lo stato d’emergenza verrà revocato venerdì

14 Novembre 2007

A quanto pare la pressione diplomatica degli Usa sta avendo un certo effetto sugli eventi politici della Georgia. Il portavoce del parlamento georgiano infatti ha annunciato ieri che lo stato d’emergenza finirà il prossimo venerdì.

“Lo stato d’emergenza verrà revocato il 16 novembre e torneremo ad un modello si vita normale” ha dichiarato Nino Burdzhanadze, uno degli alleati più fedeli del Presidente Mikhail Saakashvili, nonché ex capo di Stato.

Lo stato d’emergenza era stato invocato dallo stesso Saakashvili lo scorso 7 novembre, in seguito ad una protesta di piazza portata avanti dagli oppositori politici del governo attuale, i cui uomini erano a loro volta a capo della “rivoluzione delle rose” per mezzo della quale, nel 2003, era stato spodestato Eduard Shevarnadze. Da allora si è assistito ad un lungo giro di condanne ufficiali, provenienti dalla maggior parte dei governi e delle istituzioni democratiche del globo, contro la decisione di Saakashvili. Tra le altre cose lo stato d’emergenza non permette alle agenzie stampa di fare il lavoro.

L’assistente del segretario di Stato Usa, Matthew Bryza, ha annunciato oggi che gli sono state fornite – da parte dei politici del governo di Tbilisi- tutte le assicurazioni del caso in merito alla fine dello stato d’emergenza entro il prossimo venerdì.