Giappone: l’opposizione vuole sfilarsi dall’Iraq

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Giappone: l’opposizione vuole sfilarsi dall’Iraq

07 Agosto 2007

Stamattina, il leader del
Partito democratico, Ichiro Ozawa, ha annunciato in una riunione
straordinaria del Parlamento che proporrà una legge per bloccare l’attuale
invio di truppe aeree di difesa per la ricostruzione dell’Iraq.

Ozawa si è inoltre dichiarato contrario a rinnovare la legge
antiterrorismo, votata in seguito agli attentati di New York e Washington
(2001) e poi confermata tre volte. La legge scade ai primi di novembre. È attualmente
ciò che permette alla marina giapponese di rifornire le navi americane
impegnate nella guerra in Iraq. Il partito di Ozawa, vincitore delle elezioni
del 29 luglio, dispone di 112 seggi su 242, ma unendosi in un gruppo unico con
due formazioni minori, potrebbe di conseguenza avvicinarsi ulteriormente alla
maggioranza assoluta.

Intanto oggi un suo esponente, Satzuki Eda, è diventato
speaker del Parlamento. Il premier Shinzo Abe, deciso a rimanere al suo posto
nonostante la sconfitta elettorale, avvierà un rimpasto di governo in queste
settimane. L’opposizione, però, insiste sulle sue dimissioni.