Gli auguri gay della Disney ai bambini

Dona oggi

Fai una donazione!

Sostieni l’Occidentale

Gli auguri gay della Disney ai bambini

30 Dicembre 2015

Come fare gli auguri di Natale ai bimbi appassionati di cartoni? I creativi della Disney devono essersi scervellati per trovare una buona idea. E l’hanno trovata: tra la principessa Elsa e la dottoressa Peluche, hanno inserito uno spot sulla famiglia, “Buone feste dalla famiglia Frozen”, in cui si inneggia alla famiglia, che è, come tutti sanno, “il miglior regalo”.

 

Bello, no? Però le famiglie che la Disney promuove non sono solo piccole o allargate, di tutte le etnie, con tutte le possibili varianti; sono anche quelle omosessuali, con due uomini e un bambino in mezzo a loro, un bimbo che pare non avere una mamma da nessuna parte. Le associazioni Lgbt esultano: è una questione “educativa”, un modo per abituare i bambini anche molto piccoli a incamerare le immagini della coppia omo con figli come se fosse ovvio e scontato. E’ la “famiglia Frozen” che garantisce, è il marchio Disney, con Topolino, Paperino e tutti gli amatissimi personaggi del mondo delle favole e dei cartoni! Come non prestargli ascolto, e fiducia?

 

Il video pubblicitario dura un minuto, il momento in cui si vede la coppia gay è brevissimo, pochi fotogrammi, ma questo rende la questione ancora più grave: è un messaggio quasi subliminale, un’immagine che si confonde con le altre, proprio per evitare di mettere a fuoco la “diversità”, per rendere tutto assolutamente omogeneo e neutro. Il video è stato segnalato al senatore Giovanardi da una mamma: Giovanardi ha chiesto spiegazioni a Sky, che ha raccontato come l’emittente compri il “pacchetto Disney” tutto intero.

 

Che fare? Intanto denunciamo l’accaduto, per far sapere ai genitori di cosa si tratta: si lasciano i figli fiduciosamente davanti all’Ape Maia e ci si ritrova con lo spot che promuove l’adozione gay o l’utero in affitto (come hanno avuto quel bimbo i due uomini? Dov’è la loro mamma?). Qualcuno ne scriverà, oltre noi? Qui il link al video.