Gli Ogm sono utili e sicuri ma gli italiani non lo devono sapere

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Gli Ogm sono utili e sicuri ma gli italiani non lo devono sapere

14 Novembre 2007

La questione degli Ogm (organismi geneticamente modificati) in Italia sta in questo modo. Dal ’97 è di fatto impedita ogni tipo di ricerca in campo aperto, grazie a una accurata e capillare campagna di demonizzazione fatta propria da ministri di destra e sinistra. Per intenderci, mentre nel resto d’Europa le coltivazioni Ogm hanno già impieghi commerciali anche per l’alimentazione, in Italia non è possibile neppure la sperimentazione. Questo causa un incredibile impoverimento della nostra ricerca nel settore delle biotecnologie, una continua fuga di cervelli e perdite vertiginose per gli agricoltori italiani rispetto ai concorrenti oltre frontiera.

Ma il bello deve ancora venire. Nel 2004 l’istituto ricerca Iran, emanazione del ministero per l’Agricoltura, finanziò con 6,2 milioni  euro una gigantesca ricerca sugli Ogm. Dopo anni di divieti si poteva finalmente condurre una seria ricerca sul campo. Poteva essere un’occasione preziosa per mettersi al passo con il resto della comunità scientifica. Invece quella ricerca  passò quasi inosservata (l’episodio è stato anche oggetto di una interrogazione di Gaetano Quagliariello e altri che trovate qui). Nonostante l’immenso ammontare di soldi pubblici infatti, l’apporto in termini di sperimentazione era così scarso che il volume è presto finito nel dimenticatoio: inutile fors’anche a dimostrare la tesi precostituita e cio