Gran Bretagna, Regina approva nozze gay. Non nelle Chiese inglesi

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Gran Bretagna, Regina approva nozze gay. Non nelle Chiese inglesi

17 Luglio 2013

Dice la BBC che la Regina Elisabetta, capo della Chiesa anglicana, ha posto il suo sigillo reale sul "Marriage Bill", il provvedimento che introduce definitivamente i matrimoni omosessuali in Gran Bretagna. La legge è stata voluta dal premier conservatore Cameron e votata dai maggiori partiti, conservatori, laburisti e libdem. Le prime nozze tra persone dello stesso sesso saranno celebrati in Inghilterra e Galles prima della fine dell’anno. Fra i "tory", tra i conservatori del partito del premier, è polemica. Alcuni membri della Camera dei Comuni hanno infatti votato contro la legge, sfruttando il fatto che il premier aveva lasciato libertà di voto. Il provvedimento cerca comunque di tutelare alcune fedi e gruppi religiosi, impedendo ai futuri sposi gay di unirsi in matrimonio sotto gli altari della Chiesa di Inghilterra e del Galles. Altre religioni possono invece offrire questa possibilità ai loro fedeli.