Grecia, Alli (AP): Grexit problema politico non finanziario. Condono parziale debito per rilanciare unità Ue

Dona oggi

Fai una donazione!

Sostieni l’Occidentale

Grecia, Alli (AP): Grexit problema politico non finanziario. Condono parziale debito per rilanciare unità Ue

11 Maggio 2015

“Il problema sul rischio Grexit non è tanto finanziario ed economico quanto politico. Il pil della Grecia, infatti, non è tale da far tremare la finanza europea. Però se Atene uscisse dall’area euro ciò sarebbe letto da molte parti come il fallimento del progetto europeo. Si innescherebbe, così, una reazione a catena per cui l’euroscetticismo, già dilagante, avrebbe un effetto domino sulle altre realtà, non ultima la nostra opinione pubblica. Pertanto, bisogna fare di tutto, nei modi più ragionevoli, per aiutare la Grecia”. A dirlo è Paolo Alli, Capogruppo Area Popolare (Ncd-Udc) in Commissione Affari Esteri e Vice Presidente dell’Assemblea Parlamentare Nato, ai microfoni della trasmissione Altrove su Gr Parlamento. “Purtroppo l’Europa di oggi,” continua Alli “è ancora una sommatoria di Stati con interessi spesso contrapposti e, per certi aspetti, sovrapposti. In una situazione di questo genere i sistemi forti dominano e i paesi più deboli ne fanno le spese.  È necessario, quindi, iniziare un percorso più deciso verso una vera unione politica. L’Europa si dimostrerebbe davvero coesa se portasse avanti un atto di generosità nei confronti della Grecia, ad esempio con un condono magari parziale del suo debito, analogo a quello che fu accordato nel 1953 alla Germania. Solo passando attraverso queste forche caudine si potrà rilanciare il percorso di unione politica”.