Grecia-Turchia. Papandreou: “Vogliamo una pace durevole”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Grecia-Turchia. Papandreou: “Vogliamo una pace durevole”

26 Gennaio 2010

Il premier greco Giorgio Papandreou ha invitato il collega turco Recep Tayyip Erdogan a compiere una visita ufficiale ad Atene per dare nuovo impeto al processo di normalizzazione tra i due paesi e giungere ad "una pace durevole". In risposta alla lettera inviatagli da Erdogan lo scorso novembre, Papandreou, citato stamane dalla stampa, ha scritto ricordando il suo personale ruolo nella svolta delle relazioni bilaterali: quando era ministro degli Esteri, la Turchia venne accolta come candidato all’UE.

E assicura l’appoggio di Ankara all’adesione del paese all’Unione se i criteri saranno adempiuti. Papandreou sottolinea che, dopo una serie di "concreti progressi" in vari settori, è ora giunto il momento di dare nuovo impulso alle relazioni bilaterali, puntando alla risoluzione delle "altre sfide": dall’Egeo, dove invita Ankara a contribuire a porre fine alla tensione militare, a Cipro, dove è necessario che tutti sostengano gli sforzi di riunificazione. Senza dimenticare il problema dell’immigrazione illegale, da affrontare, sottolinea, in una cornice europea, ma anche rispettando gli accordi bilaterali di riammissione firmati da Ankara.