Home News Grillo che dà del comico a Renzi fa davvero ridere

Tutte le News

Grillo che dà del comico a Renzi fa davvero ridere

0
45

Matteo Renzi? Per Grillo è come "Achille Lauro che per diventare sindaco di Napoli regalò agli elettori una scarpa con la promessa di dargli la seconda se fosse stato eletto". Beppe Caciara scende nei sondaggi (vedi Ixe') e non gli resta che sparare ad alzo zero sul premier prima di venire risucchiato nel vortice renziano. "Gli 80 euro saranno in busta paga, se ci saranno, solo dopo le elezioni europee", lamenta Grillo, "se c'è una costante nella Storia d'Italia è rappresentata dai Venditori di Pentole, dagli  imbonitori un tanto al chilo, da chi la spara più grossa per un pugno di voti. La cosa straordinaria è che gli italiani ci
cascano sempre. L'esperienza non li vaccina. Ci vorrebbe una terapia di popolo, una seduta psicoanalitica più che della sapienza degli storici per capire il comportamento dei cittadini di questo Paese". In attesa di capire se il comico vuole anche diventare psicologo di massa, paragona "Renzie" a Gianni e Pinotto, Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, dice "In futuro lo trasmetteranno anche su Boing insieme a Peppa Pig e ai Puffi nella parte del puffo bugiardo". Purtroppo per lui non è Renzi che viene dall'avanspettacolo. Poi Grillo se la prende con le "non notizie" dei giornali che fanno il filo al premier, "Per risanare le finanze pubbliche a colpi di tweet e di vendite su ebay ha promesso un'asta per 150 auto blu. Che dire?  E' impossibile persino commentare. Renzie può sbaragliare tutti  i contapalle, ne ha i numeri". Vedremo come andrà con Renzi. Per adesso registriamo che un celebro comico un giorno decise di fondare un movimento politico che portò in parlamento decine e decine di cittadini incazzati, che una volta entrati nel Palazzo fecero poco e niente per cambiarlo. Ma gridarono e strepitarono così tanto che ancora oggi si ricorda, con un sorriso, la loro velleità.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here