Home News Grillo sospetta della casa di Renzi ma il condono di Beppe?

Tutte le News

Grillo sospetta della casa di Renzi ma il condono di Beppe?

0
111

Beppe Caciara Grillo lancia l'hashtag #Renzierispondi e come prima cosa chiede al presidente del Consiglio di chiarire "perché Carrai gli pagava la casa a Firenze" (l'ufficio stampa dell'ex sindaco aveva già fatto sapere che Renzi nel capoluogo toscano dormiva da un amico). Ma per Grillo dobbiamo tutti motivarci per scoprire come mai Renzi abbia spostato la sua residenza, dov'è il relativo contratto d'affitto, la cifra, eccetera eccetera, ragionere e contabile il capocomico lo è sempre stato fin dai tempi degli scontrini pentastellati. Grillo scrive di "escludere profili di illiceità" ma solleva il "caso" e gli "interrogativi" sui motivi del trasloco. "A carico di un imprenditore che intratteneva rapporti con il comune di cui Renzi era sindaco", tac, ecco servito il gran complotto. Grillo denuncia che la stampa tace, che c'è la solita "congiura del silenzio" ma in realtà sta pompando la campagna twittesca di cui sopra. Ora però a noi leggendo tutte 'ste storie di casi affitti e contratti ci è venuto in mente il condono fiscale del 2003, all'epoca eravamo nel Governo Berlusconi. Grillo allora pagò 500 euro per sanare i suoi guai edilizi. Dalla agenzia delle entrate apprendemmo anche il suo reddito del 2005, oltre 4 milioni di euro. Per la serie, tornando alle case e ai redditi, Grillo guarda la pagliuzza ma non vede la trave.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here