I Curdi marciano su Arbil

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

I Curdi marciano su Arbil

18 Ottobre 2007

Migliaia di Curdi, per la maggior parte studenti, hanno marciato oggi davanti alla sede del’Onu di Arbil, la capitale del Kurdistan, protestando per la decisione del parlamento turco che ha approvato la mozione per movimentare l’esericito.

Il piazzale antistante la sede dell’Onu è stato invaso da migliaia di curdi che cantavano cori contro la decisione di attaccare il loro paese, presa dal governo turco nel corso della giornata di ieri. Gli studenti portavano con sé bandiere e manifesti scritti in diverse lingue, compreso l’inglese.

Nel frattempo il governo del Kurdistan ha comunicato l’inizio del dialogo con “i nostri amici turchi” perchè, si legge in una nota: “Abbiamo chiesto al nostro vicino turco di fermare qualsiasi operazione militare in Iraq. Non vogliamo confrontarci con i turchi per nessun motivo”.

“La Turchia deve capire che noi vogliamo vivere in pace, ma non vogliamo che nessuno intervenga nei nostri affari”, ha detto alla stampa un diciottenne che faceva parte dei manifestanti”.