Home News I Ds tra banche e straccioni

I Ds tra banche e straccioni

1
48

Nel corso della sua appassionata autodifesa dagli schermi di Ballarò, Massimo D’Alema ha avuto parole buone per tutti: per Giovanni Consorte, che non è Al Capone, per il suo segretario Piero Fassino, che non c’era niente di male se andava a trovare il governatore della Banca d’Italia, persino per Silvio Berlusconi, che non è da condannare per aver parlato con Fiorani (non è la stessa cosa, ma prendiamo atto delle buone intenzioni).

E’ normale – spiega il vicepremier – che la politica si occupi di queste cose, “accade in tutto il mondo che la classe dirigente politica e quella imprenditoriale facciano squadra per l’interesse del Paese”. “Noi – dice ancora – abbiamo guardato con grande favore a quel progetto: creare una grande banca vicina al movimento cooperativo lo ritenevamo utile all’economia italiana”.

D’Alema ha fatto il tifo per Unipol, e lo ammette senza remore. Poi, a testimonianza del legittimo interessamento della politica per le questioni del mercato, aggiunge d’esser stato molto contento anche della nascita di una grande banca come Intesa-sanPaolo. Il messaggio è chiaro: solo Romano Prodi può farsi gli affari suoi?

Del resto, che i Ds avessero deciso di abbandonare definitivamente la vocazione proletaria del vecchio Pci lo si era già capito quando il tesoriere Ugo Sposetti, parlando col Corriere della Sera delle intercettazioni che coinvolgevano i leader della Quercia, s’era chiesto: “Con chi dovremmo parlare? Con chi dovrei parlare, io? Con gli straccioni?”. Lui che

  •  
  •  

1 COMMENT

  1. Ex PCI/PDS banche e straccioni
    Spett.le L’occidentale,da piccolo borghese qual sono penso che non ci sia nulla di male se i politicanti tifano perla loro squadra,a patto che lo facciano lealmnte e che non gridino allo scandalo se lo fanno anche gli avversari,cosa invece che i signori sinistri quando c’era il muro(di omertà a loro favore) erano puri e duri essenedo pubbliche le virtù e privati gli inciuci;ora che il muro si sgretola e lascia vedere qualcosa,invece sono garantisti e buonisti.
    Ad ogni modo i poveracci o straccioni sono utili per i voti,ma carne da macello quando occorre
    soprattutto per questi ineffabili signori che in nome di una ideologia assurda hanno massacrato milioni di persone, certo non loro ma i loro referenti culturali e di comportamento politico.
    Grazie e distinti saluti.

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here