Home News I negazionisti di San Bernardino

Seguendo la stampa

I negazionisti di San Bernardino

0
72

Ieri sera l’FBI ha dichiarato che la strage di San Bernardino è stata "un atto di terrorismo". Islamico. Farook e consorte avevano in casa una santabarbara, fucili mitragliatori, visori elettronici, congegni esplosivi. Al momento, i federali sperano di trovare nuove informazioni sui dispositivi elettronici e digitali che la coppia ha cercato di distruggere. Ci sono "intercettazioni telefoniche" sospette a un post su Facebook in cui Farook proponeva alleanze profittevoli a ISIS. Potrebbe esserci di più, in conferenza stampa i federali non escludono nulla.

 

Nel loro raid di 48 ore fa, i due jihadisti hanno fatto 14 morti e 22 feriti, con tanto di complimenti dello Stato Islamico su Internet, che forse non avrà appaltato l'attacco ma è felicissimo per com'è andata, #burning_America. Ma fino a l'altra sera nei media e al telegiornale il problema è stato solo quanto sono pericolose le armi in America (non chi spara), che non si riuscivano a capire le cause dell'eccidio (da giovedì pomeriggio su CNN International erano chiarissime), per non dire della vendetta maturata sul posto di lavoro, pista molto quotata che vedremo dove porta. Ieri in ogni caso le autorità giudiziarie Usa hanno chiesto di evitare forme di "retorica anti-musulmana" che "spingono verso la violenza", annunciando provvedimenti contro chi non si adegua.

 

Capito? Politica e giustizia cercano di spegnere l'incendio ma, complice questo atteggiamento troppo proteso verso la cautela, nei media si fa strada una specie di negazione del terrorismo islamico, una forma di sottovalutazione del pericolo che rischia di estendersi nelle opinioni pubbliche occidentali. Nell'identità terrorista di Farook c’è un elemento religioso che non è quello dell'11 Settembre o del 13 Novembre. Non è neanche farina del maggiore Hasan, quello che si mise a sparare contro i suoi commilitoni a Fort Hood; la quinta colonna, il lupo solitario. Quella di San Bernardino è  sudden jihad syndrome, la sindrome dell’“attacco jihadista improvviso” come l’ha battezzata il compianto blogger americano Lawrence Auster qualche anno fa. Uno scatto di violenza inaudita e senza controllo ai danni di colleghi, conoscenti e sconosciuti, generato dal "risveglio" islamista.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here