La 'trattativa' con i pirati

I ‘retroscena’ alla base della liberazione della Enrico Ievoli

0
7

“Non è stato pagato alcun riscatto”, ha prontamente dichiarato il ministro degli Esteri Giulio Terzi di Santagata. Ma allora come mai il sequestro è durato ben quattro mesi? Se i pirati somali si accontentavano di sequestrare la nave per loro intimo gaudio ma non mossi da sete di denaro, non potevano rilasciarla dopo tre soli mesi? O dopo due? O dopo uno? Anzi, perché non l’hanno rilasciata subito? A queste domande del cittadino comune risponde ancora una volta il vertice della Farnesina: “Il rilascio è avvenuto dopo lunghe e laboriose trattative diplomatiche”.

Trattative con chi, se lo stato somalo non esiste e se di conseguenza non esistono autorità legittime? A questa ulteriore, impertinente domanda risponde L’Occidentale che è venuto in possesso dei dettagli della - non più - misteriosa trattativa.

Eccola qua, parola per parola.

Italia: “Cari pirati, sia chiaro fin d’ora che noi, fedeli ad un consolidato comportamento, non pagheremo alcun riscatto”.

Pirati: “Cari italiani, questo lo sappiamo benissimo ed è proprio per questo che abbiamo sequestrato la vostra nave, ma sia chiaro anche a voi che noi non abbiamo alcuna intenzione di abbassarci a chiedere riscatti”.

Italia: “Benissimo, stabilito questo, la trattativa può cominciare su basi soddisfacenti. Noi offriamo zero”.

Pirati: “Perfetto, anche noi vogliamo zero”!

Italia: “Ottimo, allora la trattativa si può considerare conclusa”!

Pirati: “Un momento, zero non è una cifra malvagia, però dovete essere più precisi: zero euri o zero dollari”?

Italia: “Ovviamente zero euri”.

Pirati: “E che, siamo matti? Gli euri ve li potete tenere voi”!

Italia: “Cari pirati, ma guardate che gli euri valgono più dei dollari”!

Pirati: “Ma cosa ce ne facciamo degli euri, che l’Ikea più vicino sta in Sicilia, noi vogliamo dollari e basta”!

Italia: “In questo caso dateci un po’ di tempo che dobbiamo consultare il ministro dell’Economia”.

Pirati: “Fate pure con comodo”.

Italia: “Cari pirati, dopo avere consultato chi di dovere, vi annunciamo con piacere che la vostra proposta di zero dollari anziché zero euri è stata accettata, però su questa cifra dovrete pagare l’Iva”.

Pirati: “Non se ne parla nemmeno”.

Italia: “Vabbè, come volete voi, però fintanto che vi tenete la nave, ci dovrete pagare l’Imu”.

Pirati: “Non se ne parla proprio”.

Italia: “Evvabbuò, ci avete convinti, ma come li volete, in Bot, Cct o vi facciamo un assegno”?

Pirati: “Ma quale assegno, che qui non ci sono nemmeno le banche, noi li vogliamo in contanti: zero dollari in contanti”!

Italia: “D’accordo, e di quale taglio li preferite”?

Pirati: “Tutte banconote da zero, e non facciamo scherzi”?

Italia: “Occhèi, siamo d’accordo”?

Pirati: Siamo d’accordo”!

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here